Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 158 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 14 17:47:17 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Geologia di silenzi e altre poesie

di Gian Giacomo Menon (1910 - 2000) 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 18/07/2018 16:18:28

Con te mia piccola terra

 

con te mia piccola terra piccoli campi piccolo fiume

piccola casa piccolo monte con te dove sono nato

piccola vita piccolo uomo con te e sarà piccolo il mio

luogo di te oh sarà breve il mio luogo corta

pietra corte radici corta erba che cresce in

soli non miei.

 

Mia terra vengo

 

mia terra vengo mia terra e tu madre mi attendi

tu erba mi copri tu cielo sei alto e lontano oh

mia terra odiata ed amata mia terra dove è

l’amore questo amore cattivo che mi esalta felice

che mi uccide con spade.

 

Mio amore mia terra

 

mio amore mia terra mi penetri spada e radice

erba nera sopra di me scura parola dentro di

me.

 

Dirò la morte

 

dirò la morte griderò l’amore vi chiamerò mie

spade ah spade d’amore di morte oh mie

spade felici mio anno felice miei giorni felici.

 

(Ed. Anterem 2018)

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Annamaria Pambianchi, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Nulla due volte , di Wislawa Szymborska (Pubblicato il 10/12/2016 18:09:11 - visite: 405) »

:: Io , di Adam Zagajewski (Pubblicato il 12/11/2016 21:45:03 - visite: 312) »

:: I profughi , di Adam Zagajewski (Pubblicato il 04/10/2016 16:53:11 - visite: 639) »

:: Fa’ che io sia per te l’estate , di Emily Dickinson (Pubblicato il 13/08/2016 10:20:36 - visite: 1509) »

:: Si sbagliava la colomba , di Rafael Alberti (Pubblicato il 05/08/2016 09:02:21 - visite: 855) »