Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 108 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Dec 18 09:16:04 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Da: Dal russo con amore : Joseph Brodsky e la lingua inglese

di Joseph Brodsky 

Proposta di Marisa Madonini »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/11/2018 18:32:01

Joseph Brodsky

Hai scordato quel villaggio perso tra cortine e cortine
di paludi in una terra che è tutta boschi di pini
dove anche le strade sono solo pozze e sterpaglia e negli orti
non sta mai uno spauracchio: non li vale il raccolto.
La vecchia Nastasia sarà morta e anche Pesterev, certo,
e, se non lo è, se ne sta seduto in cantina, ubriaco perso,
o sta costruendo qualcosa con la testata del nostro letto:
una specie di steccato, forse, o una parte del tetto.
E in inverno tagliano legna laggiù e solo di rape si vive,
e una stella ammicca per tutto il fumo in un cielo di neve,
e non una sposa in bianco è alla finestra ma il grigio ornato
della polvere, più il vuoto dove un tempo abbiamo amato.

Traduzione di Matteo Campagnoli


Poesia n. 185 Luglio/Agosto 2004
Dal russo con amore. Joseph Brodsky e la lingua inglese
a cura di Matteo Campagnoli

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Marisa Madonini, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il rifiuto , di Velimir Chlébnikov (Pubblicato il 02/11/2018 23:58:28 - visite: 62) »

:: Il sapore del pane... , di Giacomo Noventa (Pubblicato il 17/10/2018 19:41:24 - visite: 100) »

:: La casa sulla strada , di Vesna Parun (Pubblicato il 10/09/2018 22:38:04 - visite: 140) »

:: Poesia Condivisa 2 numero 36 , di Adrienne Rich (Pubblicato il 02/08/2018 15:44:38 - visite: 196) »

:: Né lieto avo né discendente di Endre Ady , di Endre Ady (Pubblicato il 09/06/2018 12:53:44 - visite: 295) »

:: Preghiera , di Patti Smith (Pubblicato il 01/06/2018 00:32:53 - visite: 243) »

:: Il mondo , di Ewa Lipska (Pubblicato il 17/05/2018 23:37:56 - visite: 232) »

:: ’Festa di Sergei Gandlevskij , di (Pubblicato il 24/04/2018 09:35:52 - visite: 352) »

:: Mediterraneo , di Albert Camus (Pubblicato il 11/04/2018 17:09:42 - visite: 342) »

:: Generalizzando , di Giorgio Caproni (Pubblicato il 19/12/2017 23:37:18 - visite: 468) »