:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Attenzione, dal 19 al 29 luglio 2024 è prevista una prima parte di lavori di manutenzione sul sito LaRecherche.it pertanto non sarà possibile, in tale periodo, registrarsi o autenticarsi, non sarà possibile pubblicare, commentare o gestire i propri testi in nessuna forma ma sarà possibile solo la consultazione/lettura del sito ed eventualmente la eliminazione dell'utenza di chi ne farà richiesta. Una seconda parte è prevista dopo la metà di agosto, le date saranno comunicate. Ci scusiamo per l'eventuale disagio. Ovviamente se riusciremo ad accorciare i tempi lo comunicheremo.
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 444 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Jul 19 06:17:06 UTC+0200 2024
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Scuola belvedere

di Giovanni Nuscis 

Proposta di rasimaco »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/09/2023 20:51:11

Dove c’era la scuola e l’asilo,
in cima alla collina Belvedere,
c’è ora un parcheggio rivolto
alla campagna che digrada, a oriente,
verso il porto e il Duomo.
Guardano i musi silenziosi delle auto
dove guardavi tu dal tuo banco.
Sembra impossibile
che nel poco spazio
ci fossero sei aule, due anditi
i bagni ed il giardino
e cento cinquanta bambini.
Pensi alle cose che hai imparato
dalle maestre di allora:
Andreoli e Barbarossa,
la signorina Amalia, già anziana,
lenti spesse e camicia bianca.
Il latte caldo nei bicchieri
annacquato e zuccherato,
all’asilo, appena si arrivava,
era per tutti,
perché non fossero diversi alcuni.
Le buste del patronato
riservate a pochi
sembravano invece un ingiusto privilegio.
Di tutto quel passato
sei anche tu che tieni acceso
il cerino del ricordo,
147 assieme ad altri che non sai,
forse seduti in quest’istante

nei bar gloriosi
di Gioacchini e Polenta.
Perché si sappia che è esistita
la gioia semplice di un mondo
che ha saputo ridere e gioire,
costruire dal niente.
Tornato dopo anni a Posatora,
ti è parso di sentirle per un attimo
le urla dei bambini di allora,
di vederne i grembiuli,
i fiocchi, le borse, i sorrisi.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore rasimaco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.