Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 168 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jul 23 03:01:29 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Chef

di Danilo Catalani
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 29/04/2018 18:13:43

-          Ci vedi?

-          No, non vedo nulla. Giuro.

-          Non giurare. Nella nostra attività non c’è spazio per la menzogna, quindi neppure per i giuramenti. Sei pronto per cominciare?

-          Sì.

-          Mi raccomando, non spostare la benda. Questa è la prova decisiva. Lo comprendi?

-          Sì, chef, lo comprendo.

-          Cominciamo. Apri la bocca. Mastica lentamente e rifletti prima di rispondere; non c’è la possibilità di essere precipitosi, per noi la precisione è tutto. Cosa senti?

-          Carne bianca.

-          Bene, poi?

-          Pollo, a giudicare dalla consistenza. Ben cotto. La giusta dose di aceto.

-          Spezie?

-          Cumino, direi. E Paprika al posto del peperoncino.

-          Ottimo. Andiamo oltre, parlami dell’animale. Cosa vedi?

-          Vedo un’aia. Aria aperta, sole. Non è il pollo da batteria, è allevato a terra. Non c’è sapore di paura o di infelicità. È vissuto bene, è morto bene.

-          E quindi?

-          Falanghina Beneventano, direi.

-          Mhf. Ci sta. Potresti osare di più, ma va bene il Falanghina, meglio non strafare. Mai strafare. Devi essere sempre sicuro di non commettere errori. Lo comprendi?

-          Sì, chef.

-          Ancora. Dimmi.

-          L’odore del vino è forte. Carne rossa. Vitella.

-          Ottimo.

-          Lasciata a macerare per una settimana almeno nel Cannonau di Sardegna, con pepe nero e bacche di ginepro.

-          Eccellente, ragazzo. Poi?

-          Poi grigliato sul barbecue. Ma…

-          Ma?

-          Ma a carbonella, non a legna. Che peccato, si sente il gusto dell’accendifuoco chimico. Ottimo il Grana e la ruchetta. Perfetta la cottura.

-          Bene. Cosa vedi?

-          Vedo l’orrore, chef. Vedo animali allevati in celle, incapaci anche di camminare a causa delle gabbie anguste. Animali coltivati, non allevati, nell’angoscia e nel loro stesso sterco.

-          La fine? La senti?

-          Sì, chef. Terribile, ma accettata con sollievo, dopo una vita così.

-          Paura?

-          Sì, chef, la paura è il gusto dominante. La macerazione nelle spezie non è riuscita a camuffarla neppure un po’.

-          Bene. Quindi?

-          Stesso vino, chef. Cannonau. Primo perché non si mischiano i vini, secondo perché rafforzare il gusto del vino aiuta a soffocare quel gusto di paura.

-          Eccellente. Bevi un po’ d’acqua e prenditi un momento, prima di continuare.

-          Sono pronto, chef.

-          Bene. Annusa.

-          Aroma dolciastro, sicuramente carne rossa. Cavallo, direi.

-          Non mi fare incazzare. Il condizionale non esiste nel nostro lavoro. Né esistono approssimazione o avventatezza. Se non sei sicuro che quella che stai per dire è la verità devi tacere.

-          Mi scusi chef.

-          Non scusarti. Ora assaggia. Cosa senti?

-          Aglio, forte. E peperoncino Habanero. Ottima combinazione col dolce della carne.

-          Allora… cavallo?

-          No, chef.

-          Dimmi perché no.

-          Niente fieno, o avena.

-          Cosa senti?

-          Latte.

-          Latte? Concentrati.

-          Latte e caffè. Cappuccino. Zucchero. Lievito, burro… forse cornetto.

-          Forse?

-          No, chef. Sicuramente.

-          Bene.

-          Della morte? Che mi dici?

-          Inaspettata. Niente paura. Niente dolore.

-          Certo, nessun dolore. Non avrei mai potuto farti questo affronto, lo comprendi?

-          Lo comprendo, chef…

-          Lo comprendi… però?

-          Però… perché Anna?

-          Perché Anna. Bravo. Rispondi tu.

-          Io…

-          Tu cosa? Non saranno lacrime quelle che bagnano la benda, vero?

-          No chef. È sudore.

-          Sudore… ti voglio credere. Perché Anna. Perché in quello che facciamo noi non c’è spazio per una compagna. Le donne tirano fuori il meglio o il peggio di noi. E se tirassero fuori il meglio come potremmo fare quel che facciamo? Dimmi…

-          Non potremmo, chef.

-          E se tirassero fuori il peggio di noi?

-          Lo attirerebbero su di loro, chef.

-          Bravo, ragazzo. Sono sempre più convinto di aver scelto bene il mio erede. Ma c’è dell’altro. Siamo dei volgari assassini?

-          Certo che no, chef.

-          No, infatti. Il punto non è uccidere, è la conservazione, la stagionatura, la cucina, la presentazione, gli accostamenti… Comprendi?

-          Comprendo, chef.

-          Con molta attenzione potresti sfuggire per anni alle migliori polizie del mondo. Ma una moglie… prima o poi ti scoprirebbe, e cosa dovresti fare, allora?

-          Ucciderla.

-          Già. Ma non è bello uccidere la propria moglie, ragazzo, io lo so.

-          Grazie chef.

-          Prego ragazzo. Sono molto orgoglioso di te. Saresti il migliore, nel nostro campo, se non ci fossi io. E lo sarai quando non ci sarò più. Sei il figlio che non ho potuto avere.

-          Grazie chef.

-          Bene. Ora dimmi l’ultima cosa che voglio sentirmi dire da te.

 

-          Nero D’Avola.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Danilo Catalani, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Danilo Catalani, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: Ka Mate (quasi una storia vera) (Pubblicato il 26/04/2018 18:51:45 - visite: 155) »