Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 388 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 10 05:12:59 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sabato mattina

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2017 04:41:14

L'inversolabio, il labiale venerabile riconducibile ad un solo soffio delle labbra in sillaba, posta postuma tra due virgole e un accento folgorante di pupille, d' inguine, il moto rotatorio, orbita di quattro stelle interrotte sull'onda di un'incognita.; punto e punto e virgola a un incrocio d' asfalti

quello che più tiene la pioggia, l' arrotola in strali, in raggi, con dita prensili di cicala, è la strada più sicura che percorri senza rotta ma la musica di allora è un disco rotto, poi quando, forse, ci si scopre di nuovo a trafficare con l'inconscio, si rende grazie o l'anima a dio, per un tipo d'amore lasciato a morire.

Ed è troppo tardi, nonostante ripercorri tutti i fili delle trame che sognasti, prima di diventare altro da quello che eri destinata ad essere, secondo i miei calcoli sbagliati. E' l'eterno che s'avvera in pochi attimi, distratti, di cui non terrai conto nella somma dei domani. Dove  gli argini di un ricordo sono di troppo, non fossero che traguardi sull'orlo di un oblio.

E quel ch'è mio è tuo e quel ch'è tuo è mio se lo credi vero chiudendo gli occhi e sussurrando che mi ami. Come se andassimo a finire in un posto segreto dove gli atomi fanno come i gatti e si rincorrono di notte mentre le persone per bene vanno a dormire, animali da somata e corpo umano. O i viaggi astrali non hanno temperature polari? Tanto a favore delle femmine da essere scambiato per femmina e non tanto a favore delle femmine da essere un vero maschio alfa.

Perchè è in combutta con questo tempo, la voragine che si apre nell'anima poprio sotto le scapole, come previsto dagli altri che eludono quella stessa fine, battezzati in un fiume, presi dal tallone, come tanti piccoli Achille in cerca di perdono. Batte sul palato questa lingua.

E io vi perdono, come fossi figlio di dio e ne avessi il potere.

Contavo i giorni da lei in andirivieni, poi non venne più e mi arresi ai quattro venti rinunciando ai perchè come alla parte degli angeli. Quanto ho sperato che le stessero bene le mie parole mentre correvano sotto i vestiti. Una posa plastica, una rosa d'avorio, una parola buona, un silenzio d'oro: non vorrei morire nemmeno per un giorno, certi sabato mattina. E fossi pronto per la fine del mondo durerei solo pochi attimi respirando nell'abisso. Ma poi quella luce infinita che vidi mi condusse fuori  e finalmente diventai un mostro, tra uno scroscio d'applausi  e un rito funebre alla base degli occhi, dove bandirlo dallo stato delle cose. No way, il pregiudizio, di non procedere col rosso, superato dal carnevale dell'incrocio, dove ogni opportunità è un racconto letto tra gli equivoci  e le maschere che indossiamo.

Poi attraversare insieme il nodo slacciato, la cordiale cruna dell'ago.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Idropatici (Pubblicato il 15/08/2019 04:26:09 - visite: 21) »

:: Genesi di un vuoto incolmabile (Pubblicato il 02/08/2019 04:53:20 - visite: 45) »

:: Prospettiva N (Pubblicato il 01/08/2019 02:06:14 - visite: 46) »

:: La condivisione di una felicità irresistibile (Pubblicato il 24/07/2019 07:10:24 - visite: 64) »

:: La bestia dei sogni (Pubblicato il 22/07/2019 00:38:03 - visite: 62) »

:: Di necessità statuto (Pubblicato il 22/07/2019 00:18:45 - visite: 48) »

:: L’origine della simmetria (Pubblicato il 20/07/2019 02:37:38 - visite: 57) »

:: Lo stalker non può entrare nella stanza (Pubblicato il 17/07/2019 00:36:44 - visite: 54) »

:: Musetto (Pubblicato il 13/07/2019 01:28:24 - visite: 52) »

:: La falange armata (Pubblicato il 10/07/2019 03:45:32 - visite: 63) »