Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
Una notte magica: Presentazione il 22 settembre 2019
alle ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 801 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Sep 16 07:20:28 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dio è apparso stamattina

di Giuseppe Vetromile
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/05/2010 22:21:10

Chi di voi apostoli della buona novella blatera nel sottoscala
parole inusitate che scuotono gli addormentati nella casa opaca
e bidimensionale?

Un sussurro che s’avanza sulle ali dei passeri fino a
questo davanzale di marmo grigio un inedito grido
che sovrasta l’informe parlottio dei condòmini un sibilo
e guizzo di suono che s’incarna nel cuore bypassando
lo sgretolio dell’animo che cade in un limbo di piattezza
insensata?

Dio è apparso stamattina sullo scaffale numero nove
a dirmi le cose come stanno in un segreto che scorre
come acqua di ruscello limpido ed evidente come
il grano delle stelle in una notte affamata di luce

Bisognerà credergli e andando verso l’orizzonte non portare
monili e altre cianfrusaglie e rumori molesti pietre
di materia contaminata dal tocco impuro del desiderio
o dal conto degli atomi impossibile da accettare

Proseguire nudi e senza soste verso Damasco
incontro ad un fulmine che la parola rinnovi
ad altre possibili speranze

quella che ultima si dirà prima che tutto taccia
in un unico silenzio che si consuma fra le stelle

Ed io starò attento a questi passi :uno dopo l’altro
affinché venga tutto compreso lì al confine

dove spesso il pianto si confonde col sorriso

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giuseppe Vetromile, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giuseppe Vetromile, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Noi quotidiani politi automatismi (Pubblicato il 05/03/2012 18:57:37 - visite: 1008) »

:: Colasanto Gennaro (Pubblicato il 21/02/2011 22:07:16 - visite: 970) »

:: Ancora si spiega la luce del cielo (Pubblicato il 25/01/2011 16:17:29 - visite: 795) »

:: Dall’altra parte del cielo (Pubblicato il 02/05/2010 22:06:28 - visite: 810) »