Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 173 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Feb 14 17:05:20 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Due ne ho amate

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/04/2017 22:52:39

Come il grano dei tuoi canti quando in rime

benedici i segreti della vita ancora in auge

perchè amai

sempre dal verso delle cose controluce?

Come il buio fosse la mia colpa primordiale

di appartenere a tutto ciò che fugge

e non dura la sostanza e il suo passare.

Ho letto parole favolose

che dio benedica le vostre bocche sanguinarie

per il fatto di aggiustare il mio rapporto di equilibri

quando trascorro troppo tempo sull' abisso

che mi vede tornarvi a distanze irregolari

come ago nelle vene delle carni

che trasmuta la materia del contendere

in archivi di pensiero d' aggiornare

ogni volta che il sangue ha fame, tutte le volte che affama.

Due ne ho amate, nella mia vita di versatile codardo

e in due hanno scelto destini da me assai lontani

ma il riverbero delle loro voci ormai domate

ancora mi risveglia da sogni tutti uguali.

Non essere mai abbastanza è il mio marchio di fabbrica

la corrente industriale che attraversa le mie brame

statemi accanto quando anch' io non mi basto a sopravvivere

non lasciatemi andare oltre i confini della notte

da cui si torna come morti senza più niente altro in cui sperare

o grandissime bugiarde, pescate dai miei nomi a piene mani

finchè possa resuscitare a nuova vita come acqua dalle crepe della terra.

Una, nessuna, centomila volte più di sempre.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Adempimento platonico (Pubblicato il 19/02/2018 01:55:24 - visite: 54) »

:: Dalle doglie (Pubblicato il 16/02/2018 23:37:19 - visite: 39) »

:: Nostalgia, nostalgia canaglia (Pubblicato il 03/02/2018 03:11:34 - visite: 86) »

:: Nella latenza (Pubblicato il 01/02/2018 01:50:11 - visite: 75) »

:: Come farla finita (Pubblicato il 29/01/2018 09:01:27 - visite: 72) »

:: In vino caritas (Pubblicato il 27/01/2018 01:22:21 - visite: 71) »

:: La rappresentante di lista (Pubblicato il 16/01/2018 02:30:05 - visite: 84) »

:: Nella balera ubriaco (Pubblicato il 14/01/2018 04:04:12 - visite: 107) »

:: Alla mercé della merce (Pubblicato il 13/01/2018 02:08:50 - visite: 64) »

:: Per corrispondenza (Pubblicato il 10/01/2018 02:12:31 - visite: 61) »