Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 84 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Apr 8 05:10:48 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La fontana di sangue 2

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 22/08/2018 19:14:07

L'essere umano riconosce volentieri l'universalità e la comune appartenenza a questioni che non gli fanno né caldo né freddo come gli slogan politici o le ideologie. Cose che non sono né utili né nocive, come antiquate architetture e oggetti d'arte, diventano facilmente un patrimonio culturale comune a tutta l'umanità. Ma questo non accade con la sofferenza. Sarebbe imbarazzante, infatti, se il dolore a un molare provato da un leader politico durante una conferenza si propagasse alle decine di migliaia di persone che lo ascoltano. Gli esseri umani non si stancano mai di parlare, di vedere e di ascoltare altri esseri umani perché questi atti sono una sorta di indennizzo per le condizioni della propria esistenza: gli umani accettano l'esistenza degli eroi perché sanno che qualsiasi eroe possiede funzioni escretorie non diverse dalle loro.

L'uomo cerca freneticamente gli altri uomini per concludere: “in fondo siamo uguali” e per pensare nello stesso tempo: “ma bene o male io sono diverso”.

 

© Paolo Melandri (22. 8. 2018)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Paolo Melandri, nella sezione Narrativa, ha pubblicato anche:

:: I calabroni (Pubblicato il 17/04/2019 22:46:44 - visite: 8) »

:: Sera (Pubblicato il 14/04/2019 20:03:44 - visite: 12) »

:: Storia di un prete (Pubblicato il 14/04/2019 11:55:24 - visite: 11) »

:: Zapparoni 8 (Pubblicato il 07/04/2019 13:23:52 - visite: 20) »

:: Giochi africani (Pubblicato il 06/04/2019 23:52:45 - visite: 21) »

:: La prova delle armi (Pubblicato il 06/04/2019 21:55:25 - visite: 19) »

:: La baia del nulla (Pubblicato il 04/04/2019 22:26:29 - visite: 27) »

:: Un incontro pericoloso 3 (Pubblicato il 04/04/2019 00:13:31 - visite: 22) »

:: Un incontro pericoloso 2 (Pubblicato il 03/04/2019 22:11:32 - visite: 20) »

:: La luce che filtra (Pubblicato il 31/03/2019 21:36:05 - visite: 25) »