Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Proust 2017: IL PROFUMO DEL TEMPO (Invito a partecipare)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - III edizione (2017)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

A Maddalena

di Davide Stocovaz
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 15/06/2017 15:27:20

Cara nonna,

spero che queste povere, misere parole

possano accompagnarti nel lungo sonno.

L’anima, di tutti noi, adesso duole

nel darti un ultimo addio.

 

Tu, che mi hai visto camminare, crescere

leggere e scrivere.

Chissà se, adesso, potrai restare la mia

accanita lettrice di sempre,

fonte d’ispirazione

e grande sostenitrice.

 

I giochi che facevamo assieme,

i felici momenti trascorsi,

ritornano a galla nella mente

e voglio custodirli nello scrigno

del mio cuore.

 

Se puoi, vienimi a trovare la notte,

in quella fase che precede il sogno,

per dirmi che c’è speranza,

che c’è ancora qualcosa

oltre il quotidiano vivere e vedere.

 

Vieni a dirmi che le mie parole scritte

si vedono anche lì, dove sei adesso.

Dimmi che il cuore si accende ancora;

che puoi sentirci e guidarci

lungo il nostro percorso,

verso il nostro destino.

 

Dimmi che niente finisce così,

in un nulla senza senso.

Dimmi che sbaglio di molto,

se solo lo penso.

 

E, intanto, qui vieni a mancare.

E le parole vibrano sulla carta,

bruciano e logorano la mia anima;

faticano a uscire.

 

No, non ti potrò mai dimenticare.

E un ultimo pensiero mi balena nella mente:

che il Cielo ti possa benedire.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Davide Stocovaz, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Un Bacio al Cielo (Pubblicato il 21/12/2016 17:11:13 - visite: 204) »

:: Sole Nero (Pubblicato il 22/11/2016 19:07:49 - visite: 209) »

:: Non ci sarai (Pubblicato il 07/07/2016 07:57:02 - visite: 217) »

:: Ti amai e ti amo (Pubblicato il 03/07/2016 11:54:30 - visite: 335) »

:: Vorrei che tu fossi qui (Pubblicato il 27/02/2015 23:28:19 - visite: 248) »

:: Un giorno ci sarai (Pubblicato il 27/02/2015 18:07:46 - visite: 306) »