Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 349 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 8 00:33:52 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dal taglio della bocca alla stanza dei bottoni

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/07/2017 03:16:44

Ha superato le mie barriere

costumanza di brevetti e pedalate

ha elargito saette come fossero puttane

agli angoli delle strade

ha sedotto e poi rotto da sè

tutto quello che fosse ancora invulnerabile.

Ha prodotto fotoni come biglie, come pigne

grandi come palle, come bestemmie, più grandi del corpo celeste.

Una notevole quantità di luce insomma

buona per la stagione delle tenebre:

quel tempo passato senza amare.

Quel rito pagano di sopravvivere a se stessi.

Lo capisco dagli occhi e ne ho paura da vendere.

Ma se mi credessi ti porterei in grembo come un ventre.

Per partorire sogni proibiti con i tuoi occhi

ed il mio modo di scrivere.

Ma la sintassi del mio apprendere non conta le virgole.

Così capisco una cosa per un' altra

e nemmeno io mi credo. Mi complico la vita.

Se ti potessi rendere felice mi comporterei diversamente.

Così s' arrende la fantasia all' evidenza dei fatti.

E l'io perdente trova di nuovo il modo di farsi avanti.

La successione delle tregue a dirimere la guerra.

Fosse il misticismo la scusa per non provare a scoparti sul tavolo?

Adesso che mi parli, che mi chiedi perdono

per non essere venuta prima a salvarmi.

Invento la prossima disfatta. Con la cura dei cani per le scarpe.

Proietto immagini sullo spazio bianco tra le ghiandole.

Porto il collare per gli insetti e la museruola per i denti.

I morsi che riuscirei a dare!

Strapperei la carne a brani, altro che raccoglitori vegetariani

l' animale supremo pronto ad impadronirsi del Mondo.

Ed ecco che fine abbiamo fatto.

Tutto sbagliato, nemmeno montato al contrario.

Sui vascelli dell' etere, confindustria dei miei capodanni.

Di quando le vene pompavano a sangue.

E rincorrevo le stelle cadenti prima che le esaudissero gli altri.

Adesso fammi prigioniero, accettami per quello che sono

e tu lo sai e io lo cerco, per il tempo a noi concesso.

Lascia pure che vaneggi ma fammi riprendere.

Non sei tu, sono ancora io, se sapessi dove finisco!

La mappa delle vertebre.

Avrei le chiavi della stanza, la vista migliore.

Olocausti dalla finestra.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La gatta (Pubblicato il 09/12/2019 01:09:32 - visite: 33) »

:: Anomalia celeste (Pubblicato il 02/12/2019 00:34:09 - visite: 53) »

:: Una serata in spiaggia (Pubblicato il 25/11/2019 00:42:33 - visite: 66) »

:: La vista del sangue (Pubblicato il 23/11/2019 00:52:54 - visite: 36) »

:: Per provare a farsi male (Pubblicato il 19/11/2019 00:57:42 - visite: 66) »

:: Baratto (Pubblicato il 16/11/2019 02:39:49 - visite: 50) »

:: Fuga tra le fughe (Pubblicato il 13/11/2019 23:57:56 - visite: 51) »

:: Atomi postumi (Pubblicato il 03/11/2019 03:32:42 - visite: 87) »

:: Vieni in mente (Pubblicato il 31/10/2019 00:39:10 - visite: 73) »

:: Colpo a colpo simulato (Pubblicato il 29/10/2019 04:51:55 - visite: 56) »