Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 70 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 11 18:27:41 UTC+0200 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Blu di Creta

di Chanteloup
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 07/08/2017 10:11:21

Blu di Creta
perdersi nel blu tropicale
in quello profondo cretese
di turchesi impressi nella roccia
il vento delle cicade scuote
antiche vele asciutte
al sole delle ere che furono
e che sono nelle orme nuove
il vuoto della meraviglia
di antichi palazzi
in rovina
all'ombra di pini
fragranti di resina e miele
rakì e mezes
per la festa di palazzo
giallaenera la danza
delle vespe
tra corni infiorati
e bovi dalla candida pelle
corpi rossi lucidi,
chiome neropece
grondano di olio
e gigli di mare costellano
gli angoli dimenticati
nella camera della regina
Cnosso, no, Phaistos,
la rovina delle rovine
più belle
la danza si spegne
un ronzio lieve
di origano e miele

mare bianco.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Chanteloup, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Dicono che scrivere (Pubblicato il 15/09/2017 14:45:44 - visite: 50) »

:: Procellaria (Pubblicato il 11/09/2017 14:31:24 - visite: 61) »

:: Se me lo chiedi (Pubblicato il 05/09/2017 15:52:35 - visite: 62) »

:: La dea del cielo (Pubblicato il 28/02/2017 18:10:54 - visite: 139) »

:: Gli uccelli (Pubblicato il 26/02/2017 23:06:25 - visite: 149) »

:: Dust Bowl (Pubblicato il 23/02/2017 17:09:56 - visite: 185) »

:: Prairies, grande pianura (Pubblicato il 23/02/2017 14:58:07 - visite: 157) »

:: Almare (Pubblicato il 13/02/2017 13:13:41 - visite: 184) »

:: Canto d’amore di un redattore (Pubblicato il 06/11/2016 20:35:29 - visite: 238) »

:: Annegherò (Pubblicato il 27/10/2016 09:48:19 - visite: 234) »

:: Achab (Pubblicato il 23/07/2016 20:56:53 - visite: 325) »

:: Lot (Pubblicato il 12/05/2016 16:56:33 - visite: 315) »

:: Upupa (Pubblicato il 14/12/2015 15:48:04 - visite: 456) »

:: Abissale (Pubblicato il 25/05/2015 15:08:38 - visite: 527) »

:: Vento di maggio (Pubblicato il 15/05/2015 06:54:12 - visite: 458) »