Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 363 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Dec 15 04:21:19 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tra i viali delle mie vene

di Mara Zilio
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/08/2017 20:36:15

Ti vorrei veder affogare lentamente
ogni volta che mi perfori l’anima
insinuandoti tra i viali delle mie vene
che improvvisamente s’allungano e si stendono
dilatando questo maledetto dolore
che entra senza permesso.

Ti vorrei sentire urlare in un tonfo, al buio
dove tutto diventa nulla
sentirti, maledetto dolore, mancarti l’aria a soffocarti
Tu che ti dimeni e implorando aiuto
mentre io penso a salvarmi
dall’ ingombrante sofferenza
che lentamente m’uccide,
m’inebria e mi stende a terra.

Vorrei sbatterti in faccia la mia vita
Non so se avresti il coraggio di scappare
pur di non leggere le righe arrugginite della pelle
e le mie giornate.
Ma tu, lo sanno tutti, sei il vigliacco
che intacca e disintegra la razionalità
Lo sanno tutti che se hai deciso
di uccidermi,lo farai
per poi
Per poi voltarti indietro
a cercare nuovi orizzonti

Tu... Maledetto dolore








« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 7 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »