Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Arte e scienza: quale rapporto? [L’arte e la scienza in 72 autori | e-book n. 239]
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 216 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 28 03:47:45 UTC+0100 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Pur di avere

di Adielle
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 19/09/2017 02:00:34

 

Resoconto di una scrittura privata

 

Dalle corde per il collo alla canapa distratta

sogno con parsimonia, a falangi

strettoie di gloria rada, notturne filastrocche per proli sedentarie.

Sogno fini fantastiche da cui emergere, con perfetto tempismo.

Le prove conformi ai dati di fatto riducono la storia

ad una sua forma compiuta, precedente alle aspettative

che imbarazzano l' inconsistenza di curiosità addomesticate.

Il capro espiatorio mi segnala il ritiro da parte del committente

della merce di scambio. Così ce ne stiamo.

Acosmici, a mani vuote, agli angoli delle strade;

quelli che piangono lo fanno in segno di saluto, in silenzio.

Gli altri parlano a denti stretti e le parole che passano

si dedicano al vento. Senza chiedere aiuto all' istinto

per traiettorie più sicure.

 

Come vorrebbe il cielo nella stanza essere di un azzurro terso

e invece non c' è filtro che tenga e il cane abbaia al temporale

che s' avvicina, scodinzolando nessuna tregua.

Come fosse vero apprendo dalla luce del sole che l' attimo

che comprende lo scorrere del tempo, ancora non si attua.

La concordata circostanza ratta se ne fugge nei ricordi di bordo

e la stragrande maggioranza dei passaggi di stato

li condivido per osmosi, dalle viscere.

Iato, laconico latrato e Iago di un polmone tradito

che respira per coerenza con il fiotto delle vene, cuore di ceramica.

Calpestio di passi sul selciato, dare fuoco a quella nuvola

prima di essere sorpresi con gli inneschi negli occhi

nello sfavillio del giorno.  A mezzo metro dall' ora d' aria.

Da un' amaca, sdraiata tra due alberi d' ulivo.

Il vento che porta portenti appena sgusciati dai nodi delle cortecce.

L' erba da una chioma sola t' accarezza la nuca.

Sussurra una parola il verde eterno che gemmato scuoia il sentiero

che hai percorso per arrivare fin lì.

- Dormi, dormi, chiudi gli occhi, lascia che i pensieri si sciolgano

in barbari e vandali, almanacchi del niente e popoli collusi

col vuoto, ricorderai soltanto il colore del cielo al tramonto

la vertigine prima del salto, qualche altro posto, le carezze di tua madre-

Il resto è terapia. Visitato a questa tavola sbuccio una mela

con il mio coltello di damasco. Una spina dorsale da sette millimetri.

Il filo piano del tagliente mi ricorda certe domande rompighiaccio

che, impugnate dalla parte del manico, fanno a fette nuclei inossidabili: 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Adielle, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Adielle, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Per evitare i doganieri (Pubblicato il 14/02/2020 00:12:13 - visite: 62) »

:: Parlami (Pubblicato il 07/02/2020 00:53:03 - visite: 38) »

:: Al concerto (Pubblicato il 06/02/2020 02:58:35 - visite: 35) »

:: Tema destino (Pubblicato il 01/02/2020 02:27:55 - visite: 40) »

:: Alla moda del vento (Pubblicato il 31/01/2020 00:55:46 - visite: 43) »

:: La danza delle tregue (Pubblicato il 29/01/2020 00:28:42 - visite: 66) »

:: Mentre il fiume (Pubblicato il 22/01/2020 01:40:30 - visite: 51) »

:: Cosa vuoi che ti dica? (Pubblicato il 20/01/2020 00:45:57 - visite: 49) »

:: Talamo (Pubblicato il 18/01/2020 02:26:19 - visite: 51) »

:: Nottetempo (Pubblicato il 17/01/2020 00:48:10 - visite: 64) »