Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANNIVERSARIO PROUST 10/07/2018: CHERCHEZ LA FEMME | festeggia: #cherchezlafemme
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 232 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Jul 9 14:22:18 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Tentazioni

di Elisa Falciori
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »



Questo testo ha una registrazione audio che l'accompagna, per ascoltare clicca su Play:

Clicca qui per visualizzare, di tutti gli autori, tutte le poesie con l'audio »

Pubblicato il 11/10/2017 12:26:22

Un rombo di sottofondo si impone

dentro le vene  vibra  una  cascata

 

un piccolo rifiuto 
sovrasta per un attimo

la sua aggregazione di gocce gelide

ma l'acqua scorre, ed è vertigine.

 

Ai lati della fune 

il mondo oscilla, tra il passato e l’oggi

sul ponte  di vecchie assi

che si modificano sotto i piedi

 

La grande voragine attira, e  sembra sorridermi

come  il peccato

il suo eterno senso immorale

che resiste e torce i visceri

impossibile camminarvi  a lungo.

 

Tra pareti grigie e l’abisso  verde cupo

se ne vanno scintille e certezze

dai miei occhi al cielo.

 

È tremenda la consapevolezza d’essere deboli.

*

Voce  Rodolfo Lettore

 

 

 

 

 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 9 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Elisa Falciori, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La soglia (Pubblicato il 23/05/2018 20:30:06 - visite: 96) »

:: Ricuciture (Pubblicato il 06/05/2018 12:09:26 - visite: 137) »

:: L’inganno (Pubblicato il 31/03/2018 19:46:44 - visite: 139) »

:: Indecisioni e deliri (Pubblicato il 12/03/2018 16:01:17 - visite: 180) »

:: Duetto (Pubblicato il 18/02/2018 20:37:13 - visite: 136) »

:: La casa di fronte (Pubblicato il 15/02/2018 22:34:21 - visite: 137) »

:: Destino (Pubblicato il 12/02/2018 14:16:36 - visite: 121) »

:: La locanda (Pubblicato il 10/02/2018 18:46:53 - visite: 116) »

:: Frastuono (Pubblicato il 10/01/2018 21:32:48 - visite: 133) »

:: Ossidazione (Pubblicato il 08/10/2017 15:12:43 - visite: 186) »