Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 76 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 17 23:50:02 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Quando la Vergogna

di CassyComeCasyno
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/01/2018 23:18:20

Quando la Vergogna

fa di te ostaggio

e mostra la realtà

di uno specchio

deformato

o è il tuo volto

vero, sfigurato?

Quando al podio

del boia

la vittima siede

e ogni occhio vede

lo sporco annidato

e ogni tocco sente

quello che è il passato

di un'anima spaccata

di un'innocenza persa

di un cuore terminale

quando non c'è più cura

per chi non sà pregare.

Quando la Condanna

ti scorre nelle vene

rendendoti partecipe

di quello che è

il tuo male

e ogni orecchio crede

di non voler udire

e ogni ladro esita

anche solo di rubare,

eccola incollata...

come sudore

di una pelle marchiata

di una bestia ferita

di una febbre velenosa,

quando parlare

in prima persona,

è una Via Crucis

troppo dolorosa.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »