Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 27 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 16 13:41:25 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Sentieri distanti (il tempo del rimorso)

di Pasquale Antonio Marinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2018 17:19:58

Distanti sono i nostri sentieri
eppure aliti appannati, nascosti
nella fitta nebbia del mattino,
mi appaiono vicini. Come fossimo
ancora insieme a passeggiare,
in mezzo a strade deserte,
alle prime luci dell’alba.


                             Così ti ricordo,
compagna di un tratto della mia vita,
che mi sussulti nel cuore,
nel gemito da lacrime segnato,
rivoli salati che bagnano
le rughe tracciate in un volto adulto.


Ah! Il tempo ti illude
con l’incedere di lancette
che attraversano il cerchio
della vita e si posano
sulle stanche membra.


         Avrei dovuto presevarti,
in mezzo a petali di rose
sparse su un candido letto.
Lasciare che la nave
dei sentimenti
ormeggiasse sulle rive
del tuo cuore (cristallo puro),
oracolo di un amore eterno.

 

Pallida ti salutai, quel volto
di cera nascosto da fitta chioma,
fanciulla magra e rannicchiata,
che l’anoressia consumava
giorno dopo giorno, inseguendo
la morte che tutto acquieta,
se non l’anima mia
che disperata vaga.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »