Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Premiazione e proclamazione dei vincitori domenica 8 aprile 2018 a Roma | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 58 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Feb 25 20:10:27 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dialoghi con la felce

di Domenico Pelini
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/02/2018 12:54:00

 

 

 

 

 

nella tunica delle tue lamine 

è favola di geli 

narrati ascoltando il sussurro  dei rami

 

                            *

 

tempo  fatto foglia, per non sfiorire

spazio tra i fiordi delle tue  vene, 

un nord  di semi in assenza di stami

                             

 

                            *

 

 

ti pieghi, come carta carbone 

divieni terra, stesso colore,

l‘ inverno riprende a raccontare 

il ricordo dei boschi nel buio in processione

 

 

                             *

 

 

sopra la  terra  una coltre  marrone,

nei  giorni degli  sguardi di tramontana,

un mantello di squame 

scagliate tra gli alberi dal mare

 

                           

                          *

 

 

paziente come la luce sai aspettare

per riapparire corolla  del tempo

chinato sui tuoi petali da non dire 

 

                           

                         *

 

 

celato  il tuo ventaglio 

alla fretta del vento,

riappari morendo

trovando il principio

dove  si stende la  fine.

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Domenico Pelini, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Il cappello lasciato indietro sulla strada (Pubblicato il 23/02/2018 11:49:56 - visite: 47) »

:: una piccola vocale, una i ad esempio (Pubblicato il 08/02/2018 17:28:34 - visite: 76) »

:: se tutto va bene (Pubblicato il 03/02/2018 11:55:24 - visite: 92) »

:: hai il passo di tuo padre (Pubblicato il 31/01/2018 19:14:48 - visite: 69) »

:: povere mani (Pubblicato il 30/01/2018 19:34:04 - visite: 74) »