Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 147 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Oct 25 23:43:21 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Solo soy parte

di Miguel Alcantud Cayuela
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 20/04/2018 20:23:24

SOLO SOY PARTE

 

Si ves que mis voces

se ocultan del paso de tu cercanía

y el día se muere sin haber gritado

tu nombre a los vientos,

no abraces las dudas de tu fantasía,

no dejes que brote de tu pensamiento

el sabor amargo del calor ausente,

no pienses en calles que nunca he pisado

ni escuches palabras que jamás he dicho.

 

         Piensa que me esperan otros horizontes

donde hallar las voces que nunca te he escrito,

que necesito otras albas donde dibujarte,

que quiero abrazarte cargado de sueños

que aún no he tenido.

 

         Piensa que he partido para hacerme dueño

de aquellos latidos que nunca te dije,

que me marcho en busca de una tierra nueva

donde germinarte,

que solo soy parte de un todo infinito

donde se han fundido tus voces de carne

tus almas de grito y ese amor paciente

que todo lo siente y todo lo intenta

que todo lo aguanta y todo lo vale.

 

         Piensa que en la tarde volveré a tu entraña

y estarás de nuevo clavada en mi hierba

engendrando entrega a lomos del aire

que hoy me recuerda ausente y presente

en las mismas manos que huelen al verso

que he dejado inmerso en ese regazo

que añora mis pasos entre las auroras

donde afloran dudas entre sentimientos.

 

         Si ves que no he vuelto

cuando el cielo pinte el mar de luceros,

quédate despierta,

piensa, siente, calla…

y en la lejanía,

sentirás mi cuerpo hecho de poesía.

 

 

Autor: Miguel Alcantud Cayuela

Derechos reservados.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Miguel Alcantud Cayuela, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.