Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 126 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 18 14:07:53 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Da un ricordo di mio padre

di Federico Corrado Camporeale
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 27/04/2018 17:07:25

Dove sei uomo dalla sahariana rossa
che andavi a prendere il latte
con la tessera annonaria.
In una viuzza la sera
dove il lattaio tuffava
il mestolo di latta e le dita
color fuliggine
nel logoro bidone.
Il bianco del latte segnava il contrasto
in un crepuscolo sempre più fosco,
tra bontà e incomprensibile ferocia.
La vita sospesa degli sfollati
poco si addiceva
a un uomo con gli occhiali a fil di ferro
e l'eterno giornale sotto il braccio.


Ti fu fatale
il voler ritornare caparbiamente
a porre in salvo la radio
salendo a precipizio le scale
quando già l'allarme aereo sbiadiva
sui primi scoppi.


Da allora, dopo il boato
fosti fatto d'aria per sempre
come questo refolo
di ricordi, che è poi tutto quello
che resta di te.
 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Federico Corrado Camporeale, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Federico Corrado Camporeale, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Settembre (Pubblicato il 23/05/2019 13:38:16 - visite: 75) »

:: Essenza (Pubblicato il 04/12/2018 13:56:26 - visite: 142) »

:: da un quadro del Caravaggio (Pubblicato il 14/11/2018 13:17:56 - visite: 123) »

:: Brina (Pubblicato il 18/09/2018 13:38:28 - visite: 153) »

:: Caraibica (Pubblicato il 04/09/2018 14:31:35 - visite: 159) »

:: Canicola (vecchi versi) (Pubblicato il 21/08/2018 13:46:27 - visite: 116) »

:: Enigma (Pubblicato il 02/08/2018 13:35:50 - visite: 111) »

:: Le fronde di quercia (Pubblicato il 26/07/2018 13:22:00 - visite: 160) »

:: La ragazza dal viso tondo (Pubblicato il 19/07/2018 13:25:01 - visite: 162) »

:: Sguardi (Pubblicato il 11/07/2018 13:46:49 - visite: 116) »