Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Guancia (frammento)

di Roberto R. Corsi
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 05/01/2010 18:49:02

«Posso aggrapparmi? – chiede – Perché sei alto, e dunque non ti abbraccio... mi aggrappo». Sorride compiaciuta della sua trovata dialettica. Lascia mollemente aderire la guancia al mio braccio sinistro, che ghermisce con entrambe le mani. Camminiamo senza fretta, il cielo è terso e stellato. Indosso strati di vestiario per proteggermi dal freddo ma mi sembra di sentire il suo viso lunare abbandonato sulla mia pelle. Stagioni, lacrime, io, lei, la città, il tempo: tutto si scioglie in puro appagamento perlaceo.

Era prevedibile: niente di quel che avvenne in seguito riuscì ad eguagliare quella passeggiata, anzi fu un repentino allontanarsi, guizzo di bestia braccata. Qualcosa che merita la cimosa, che dovrebbe scomparire e invece ancora persiste batterico in qualche piega della memoria ribellandosi alla necessità della propria morte, della sola sopravvivenza di quel volto appena conosciuto e già lievemente posato su di me. Qualcosa che incarognisce, imputridisce: ogni parola nacque già superflua, sbagliata, avvolta dal vetro dell’incomprensione con la stessa logica con cui, prima, scaturiva ispirata giusta e rapida.

---------------------------
(inedito)

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »