Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 55 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Dec 10 14:27:26 UTC+0100 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Malattia d’amore

di Pasquale Antonio Marinelli
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/10/2018 13:16:31

L’eremo dove ti appartavi

giovane donna

lo conoscevo:

casolare stonacato

col tetto spiovente

di tegole rosse,

con muro scalcinato

e i vetri delle finestre rotti.

 

La stanza dove meditavi

giovane donna

la conoscevo:

pochi metri quadrati,

basso soffitto di canne umide

con due sedie di vimini e un tavolo tarlato,

corone di pomodori appese a seccare

su di un’asta di legno fissata al muro.

 

Il posto dove sedevi

giovane donna

lo conoscevo:

vicino alla finestra,

d’estate o d’inverno,

a fissare l’alba e il tramonto,

la pioggia e il sole,

noncurante degli anni che passavano aridamente.

 

Lì, in quel posto dove sedevi,

in quella stanza dove meditavi,

in quell’eremo dove ti appartavi,

ti ho conosciuto giovane donna,

e con te ho conosciuto l’agonia,

la sofferenza e la gioia di morire

pronunciando a chiare lettere

la parola AMORE.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Pasquale Antonio Marinelli, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Ho sputato la verità (ad A. Panagulis) (Pubblicato il 08/10/2018 13:10:08 - visite: 53) »

:: Un circo senza confini (Pubblicato il 19/09/2018 16:42:54 - visite: 65) »

:: Guardo oltre la finestra (Pubblicato il 19/09/2018 16:34:08 - visite: 49) »

:: Poveri contadini (Pubblicato il 14/09/2018 16:13:59 - visite: 62) »

:: Piaghe che bruciano (Pubblicato il 14/09/2018 16:12:16 - visite: 63) »

:: Entusiasmi spenti (Pubblicato il 14/09/2018 16:11:12 - visite: 47) »

:: Ho sputato la verità (ad A. Panagulis) (Pubblicato il 12/09/2018 14:19:59 - visite: 48) »

:: Convertitevi (a Giovanni il Battista) (Pubblicato il 30/03/2018 11:42:21 - visite: 136) »

:: Un circo senza confini (Pubblicato il 30/03/2018 11:39:41 - visite: 82) »

:: Febbre d’estate (Pubblicato il 30/03/2018 11:34:45 - visite: 87) »