Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 75 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Oct 17 10:24:18 UTC+0200 2018
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A portata di mano pongo

di Klara Rubino
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 09/10/2018 10:09:28

 

Sulla collina che hai disegnato col gesso 

dai colori pastello 

alberelli di panno

tracce di pioggia 

ed il cielo è glitterato 

sfregando i polpastrelli diffondiamo

soffusi sfondi colorati.

Ed eliminiamo gli eccessi 

con un soffio un dono il sorriso. 

 

La fantasia è un pongo ché 

vorremmo un mondo dove 

tutto si crea e tutto si distrugge 

in virtù di nuove forme ed immagini 

emozioni,

come quello che dicono esista 

davvero e per mano di un certo tal Dio.

Io sono vivo. E la fantasia è un pongo.

Vorremmo con un soffio un mondo.

E voglio captare tutte le emozioni nell'aria

a partire da quell'aria di mare 

che c'è, rosa, là sulla riva. 

 

Accarezzami, come il vento

accarezza le nuvole. Voglio l'onda 

che cozza contro lo scafo nero di piombo. 

Un dono Così leggera Sono assente 

eppur presente, sulla collina

di gesso ed i pastelli 

a portata di

nostra mano, chiusa e tesa.

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 10 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Klara Rubino, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Contorsioni (Pubblicato il 14/10/2018 19:22:56 - visite: 73) »

:: Ho, ah! (Pubblicato il 04/10/2018 10:18:46 - visite: 62) »

:: Telemachus Albertus (Pubblicato il 01/10/2018 15:26:45 - visite: 58) »

:: Pindaro canta (Pubblicato il 27/09/2018 12:35:09 - visite: 84) »

:: Il giorno dei morti di Salvatore A.Santoro videopoesia (Pubblicato il 19/09/2018 12:33:08 - visite: 133) »

:: Virgulto d’edera (Pubblicato il 18/09/2018 20:39:39 - visite: 91) »

:: Come le siepi (Pubblicato il 14/09/2018 13:20:57 - visite: 114) »

:: Prezioso tramonto (Pubblicato il 08/09/2018 13:06:55 - visite: 87) »

:: di Cesare Pavese Incontro; Agonia videopoesia (Pubblicato il 03/09/2018 12:12:55 - visite: 75) »

:: Agonia (Pubblicato il 01/09/2018 17:34:00 - visite: 101) »