Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 699 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Aug 21 22:42:46 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Note critiche sulla poesia di Alfredo Rienzi

Argomento: Poesia

Articolo di Tiziana Gozzellino 

Proposta di Alfredo Rienzi »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/07/2016 16:49:54

Tiziana Gozzellino, Note critiche sulla poesia di Alfredo Rienzi, in Antologia Versi d’autore 2016 – Centro Studi Cultura e Società, Torino, giugno 2016, pp. 98-104.

 

La poesia di Alfredo Rienzi è una poesia colta e raffinata, delicatamente potente per linguaggio e immagini, percorsa, come già altre voci critiche hanno magistralmente rimarcato, da versi musicali, evocativi, quasi rituali, incantatori, carichi delle suggestioni che erano proprie dei canti antichi, e che pur tanto si adattano al presente.

È una poesia intessuta di rimandi culturali variegati, rari, segreti, grazie ai quali i suoi componimenti si popolano di nomi/personaggi, quasi nello stile di una nota Antologia, ma qui con più ampio intento, come a voler rappresentare un’umanità che abbraccia tutti i luoghi e tutti i tempi; a voler rappresentare, anzi, dietro quelle maschere, frammenti di sentire e di pensiero che formano, uno dopo l’altro, uno con l’altro, una coscienza universale.

Così quello che Alfredo Rienzi descrive è un paesaggio per lo più mentale, onirico, nel quale uomo e natura si con-fondono, tanto che gli sguardi si fanno “paludosi” e “mani di rugiada” lavano un fango che altrove si mischia al sangue in un rito di oscenità e brutalità, a raccontare la storia di violenza che soggiace a tutte le storie e che solo un’imprevista bellezza – quella di un volto, di uno sguardo, delle piccole cose – riesce a contrastare.

Sono particolari lievi, così apparentemente irrilevanti – alla stregua di un “petalo cadente di magnolia” – a influenzare il corso degli eventi, a condensare in sé il senso vaporoso della vita, a dissolvere per un attimo il peso del vivere, cui gli uomini si arrendono, silenziando il pianto, precipitando.

E nel mondo di Rienzi si precipita con “inudibile suono”, perché si vive in un luogo straniante, seppur familiare: con suoni come soffi e colori come vento, odori incoerenti e impertinenti, ombre infastidite da fragili luci; con “fiori come neve” e “frutti come sangue”. Un luogo popolato da “soldati muti” e carcerieri invecchiati e stanchi, dove tutto è in divenire; dove, per alchimia o semplice inganno, un flusso – come di coscienza – annunciato profeticamente dal “fiume scorre senza fine tra me e voi in me” di Pessoa - confonde i termini e i ruoli, trasmuta gli elementi gli uni negli altri, azzera gli opposti, annulla i confini tra il sé e l’altro: l’ingannatore è ingannato, il vincitore è vinto (dall’indifferenza); il carceriere ha lo stesso fiato del prigioniero, e la condanna, da un lato o dall’altro delle sbarre, è reciproca; e, intanto, ognuno di noi ha mani di vittima e carnefice. Di ciò ci parla[va già – ndr], potentemente, la poesia La questione del nibbio [nel precedente volume Custodi ed invasori - ndr]. Di quel sovrapporsi, di quello scambiarsi di ruoli tra prede e predatori, vittime e carnefici, appunto, che occasioni (inaspettate?), alleanze (insospettabili?) sollecitano, in un irresistibile quanto compromesso impulso di dare per avere, in uno spasmodico anelito di volo che vorrebbe rinnegare la terrena appartenenza. Ma l’appartenenza terrena è imprescindibile. E si fa via via più ardua, poiché netta è ormai la distanza tra uomini e dei, e spezzato è il filo delle parole da scambiare. Restano, agli uomini, messaggi indecifrati, e, in luogo di parole negate, una sterile natura, spietata, a far da sfondo al dolore e all’assenza, alla profanazione, a un indistinto susseguirsi di giorni. Ma l’amore non è rinsecchito, come parrebbe; è sommesso ma più forte che mai, e ruba alla natura piccoli nomi e piccole immagini, in un’estrema ricerca di purezza. In un’attesa – frustrata – di neve, come Rienzi scriveva in Lettera d’agosto [ne La parola postuma, 2011 – ndr ].

Ed è l’amore, infatti, il tramite di un senso – l’unico possibile – scorto in vita ed inseguito oltre il confine; il tramite di una fede che riscatta la bellezza, accoglie il passaggio e si abbandona all’abbraccio ultimo, così come Alfredo Rienzi ha provato ad immaginarlo nella poesia

 

Vincent B. sceglie una fotografia per il corredo funerario:

 

È quella in cui sei tu nel campo di grano ancora verde

e il delirio di papaveri che canta il canto dell’indomata silfide

per tutte le creature visibili e invisibili nel cielo

che scende fin sulle cime dei pioppi

lo so, l’immagine è venuta un po’ sfocata

e sovraesposta quanto basta a credere che sia d’un altro luogo

dove la terra e la materia poco a poco si diradano

e il fuoco può passare oltre la pelle senza bruciare e diventare sangue

tu sei di lato e guardi in una direzione dove s’abbracciano

la vita e la resurrezione

e mostri il profilo e la sua bellezza di collina

e un’incisura che accenna ad un sorriso senza causa

riponila il giorno del passaggio vicino alla mia mano destra

che possa nei primi passi oltre il confine mostrarla ai custodi del cammino

e chiedere di aspettarti anche in quell’Oltre.

 

Enigmatica, ermetica, la poesia di Rienzi vorrebbe trovare e accogliere una parola semplice, rassicurante, per dipanare i misteriosi grovigli che affliggono, complicano, appesantiscono le vicende umane. Mentre così facile sarebbe lasciarsi accarezzare da quelle ‘mani di rugiada’; riempirsi gli occhi di melograni e magnolie, nutrirsi di ‘more, foglie di eucalipti e aghi di pino’, dormire ‘il sonno dei bambini’, eternamente bisbigliare, come amanti.Così facile, e impossibile.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alfredo Rienzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alfredo Rienzi, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Bianciardi - Una vita in rivolta di Sandro Montalto , di Marco Conti (Pubblicato il 19/02/2019 13:33:21 - visite: 206) »

:: [ Poesia ] Notizie dal 72° parallelo: la conoscenza sul brivido , di Dario Capello (Pubblicato il 17/07/2018 09:26:36 - visite: 349) »

:: [ Poesia ] Notizie dal 72° parallelo, scheda critica , di Antonella Lovisi (Pubblicato il 30/07/2017 11:18:30 - visite: 434) »

:: [ Poesia ] Notizie dal 72° parallelo , di Stefano Vitale (Pubblicato il 11/10/2016 10:01:05 - visite: 535) »

:: [ Filosofia ] da Il mattino dei maghi, Introduzione , di Luois Pauwels (Pubblicato il 28/05/2016 19:02:15 - visite: 381) »