Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Articolo
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 311 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Jul 17 06:00:13 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Notizie dal 72° parallelo: la conoscenza sul brivido

Argomento: Poesia

Articolo di Dario Capello 

Proposta di Alfredo Rienzi »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/07/2018 09:26:36

LA CONOSCENZA SUL BRIVIDO
Note su Notizie dal 72° parallelo di Alfredo Rienzi

di Dario Capello

 

Parola oscura e penetrante, questa di Alfredo Rienzi, parola che cerca la strada attraverso i gradi dell'ombra. E tuttavia invoca una luce che, per contrasto, riveli, come una visione. Quello dell'ombra è un cammino (uso con intenzione questo termine dantesco), un itinerario di conoscenza che intercetta e snida le mille maschere, ne rivela il carattere provvisorio, inautentico:
“...e ricordi le maschere che a caso / abbiamo scelto e posto innanzi al volto?”

 Ma avviene che i fantasmi del giorno siano più inquietanti dei fantasmi della notte, quando sorgono da un vuoto insondabile. E' quel genere di vuoto che Rienzi conosce per istinto, e che può coincidere col Vuoto su cui riposa il segreto del mondo, secondo l'indicazione taoista. Il poeta sa
anche che per evocare l'idea e la perfezione del vuoto non può che servirsi di un pieno di segni e parole. Di parole “che si nutrono di parole”.
Poeta colto, insaziato e visionario, Alfredo Rienzi. Per meglio dire, poeta anche e non solo visionario. La sua parola è meditata, carica di lunghe attese, di tensioni antiche, immutabili. Un “alfabeto estinto” che poi un guizzo, un pensiero accende. Ne deriva, almeno per lunghi tratti, un clima magmatico, più vicino al demonico di un Gèrard de Nerval che al turbinio di saette rimbauldiano. Penso qui a una poesia tra le più intense, esemplare di questa stimmungIl ladro, dove la potente scena del Golgota è filtrata dalla voce - o dalla maschera? - del ladrone poeta, del poeta ladro di fuoco:

“Io sono il ladro e vengo / in mezzo a voi con la maschera scura”
“Io sono il Tenebroso, il Vedovo / l'Inconsolato” era l'incipit di Nerval che qui fa da modello. E tuttavia Rienzi pare più disincantato, attento a non lasciarsi irretire dagli effetti e da una certa enfasi ancora presenti nelle poetiche romantico simboliste. Comunque, anche qui, come in Nerval e in Rimbaud, Io è un altro. “Il nome s'è spogliato”. È divenuto un nome difficile da pronunciare, il soggetto nascosto dagli stessi innumerevoli ruoli che ha finto di rivestire.  Sine nomine. Per non essere schiacciato dal peso del nome, Rienzi ricorre a una strategia. Il mimetismo degli eteronimi, lo scambio sciamanico delle identità. “Scrivere” dice Blanchot “è scongiurare gli spiriti, e forse liberarli contro di noi.” Doppio movimento, esorcismo rovesciato. Ben avvertibile nella poesia di Rienzi, ancor più se si pensa al brivido che viene da quel rimbalzo continuo tra il dentro e il fuori. Un dentro inconoscibile, intravisto come “cuore occulto”, e un fuori fluttuante d'instabilità, ugualmente inconoscibile:

"sì, c'era la luce, e forse anche troppa / e rendeva incerti i bordi delle ombre”.
E' il lavoro dell'ombra intorno all'ombra. Un lavoro sui confini sfrangiati dal continuo attraversare che finisce per assomigliare a un tessere.

E' la conoscenza del brivido.


Dario Capello

Luglio 2018


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Alfredo Rienzi, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Alfredo Rienzi, nella sezione Proposta_Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Letteratura ] Bianciardi - Una vita in rivolta di Sandro Montalto , di Marco Conti (Pubblicato il 19/02/2019 13:33:21 - visite: 184) »

:: [ Poesia ] Notizie dal 72° parallelo, scheda critica , di Antonella Lovisi (Pubblicato il 30/07/2017 11:18:30 - visite: 424) »

:: [ Poesia ] Notizie dal 72° parallelo , di Stefano Vitale (Pubblicato il 11/10/2016 10:01:05 - visite: 528) »

:: [ Poesia ] Note critiche sulla poesia di Alfredo Rienzi , di Tiziana Gozzellino (Pubblicato il 01/07/2016 16:49:54 - visite: 687) »

:: [ Filosofia ] da Il mattino dei maghi, Introduzione , di Luois Pauwels (Pubblicato il 28/05/2016 19:02:15 - visite: 377) »