Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATA LA CLASSIFICA FINALE | e-book del Premio | Interviste ai vincitori
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Paysages (Paesaggi)

di Andrée Chédid 

Proposta di Caterina Bigazzi »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/02/2011 23:07:36

Omaggio ad Andrée Chédid (1920-2011)



PAYSAGES


Derrière le visage et le geste
Les êtres taisent leur réponse
Et la parole dite alourdie
De celles qu'on ignore ou qu'on tait
Devient trahison diventa tradimento
Je n'ose parler des hommes je sais si
Peu de moi poco di me

Mais le Paysage

Livré à mes yeux pour son reflet qui
Est aussi son mensonge glisse dans
Mes mots j'en parle sans remords
Reflet qui est moi-même et le visage
Des hommes mon unique tourment


Je parle de Désert sans quiétude
Sillonné des tourmentes du vent
Soulevé aux entrailles

Aveuglé de ses sables
Laissé aux solitudes sans toit
Jaune comme la mort
Qui parchemine
Face contre le soleil

Je parle
Des pas de l'homme si rares
En son aridité
Mais chéris comme le refrain
Jusqu'à l'autre passage
Du vent jaloux

Et de l'oiseau si rare
Qui de son ombre fuyante
Panse les blessures que donne le soleil

Et de l'arbre et de l'eau
Que l'on nomme Oasis
Du nom d'une femme aimée

Et je parle de la Mer rapace qui reprend
Les coquillages aux grèves
Les vagues aux enfants

Mer sans visage
Aux cent visages de noyés
Qu'elle enroule d'algues
Rend glauques et glissants
Comme les bêtes marines

Mer insensée telle une histoire sans fin
Détachée de l'angoisse
Pleine de contes de mort

Et je parle de vallées ouvertes
Aux pas fertiles de l'homme
Au désordre de la fleur

De cimes confinés

De montagnes de clarté
Que dévore la fauve course des sapins

Et des sapins qui savent
L'accueil des lacs
La noirceur des sols
Et les sentiers qui errent

Échos de ces visages
Qui hantent nos matins.


(Andrée Chédid)


 


Paesaggi


Dietro il volto, dietro il gesto
gli esseri celano la loro risposta
e la parola detta, gravata

di quelle che si ignorano o si tacciono
diventa tradimento

Non oso parlare degli uomini so così
poco di me

Ma il Paesaggio

lasciato ai miei occhi per il suo riflesso che
è anche la sua menzogna scivola nelle
mie parole, ne parlo senza rimorsi
riflesso che è me stessa e il volto
degli uomini il mio unico tormento

Parlo del Deserto senza quiete
solcato dai supplizi del vento
strappato nelle viscere

accecato dalle sue sabbie
abbandonato solo senza una dimora
giallo come la morte
che incartapecorisce
faccia volta al sole

Parlo
dei passi degli uomini così rari
nell’aridità
ma cari come ritornello
fino al prossimo passaggio
del vento geloso

E dell’uccello così raro
che della sua ombra sfuggente
fascia le ferite che il sole dona

E dell’albero e dell’acqua
che chiamiamo Oasi
dal nome di una donna amata

E parlo del Mare rapace che riprende
le conchiglie dalla spiaggia
le onde ai fanciulli

Mare senza viso
dai cento visi di annegati
che egli avvolge d’alghe
rende glauchi e viscidi
come le bestie marine

Mare insensato come storia senza fine
smacchiato d’angoscia
pieno di storie di morte


E parlo delle vallate aperte
ai passi fertili dell’uomo
al disordine dei fiori

Delle cime confinate

Di montagne, del chiarore
che la feroce corsa di abeti consuma

E degli abeti che sanno
l’accoglienza dei laghi
la nerezza del suolo
ed i sentieri erranti

Echi di quei volti
che assillano i nostri mattini.


(Traduzione di Caterina Bigazzi)




« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Caterina Bigazzi, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Le poème final / La poesia finale , di Andrée Chédid (Pubblicato il 16/02/2010 17:01:06 - visite: 1045) »

:: Sprich auch du / Parla anche tu , di Paul Celan (Pubblicato il 16/02/2010 16:56:37 - visite: 1156) »