Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1620 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon Oct 14 09:27:04 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

A mia madre

di Edmondo de Amicis 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2011 11:31:10

(Questa poesia l'ho imparata a memoria a scuola quando avevo 6 anni.
Adesso che di anni ne ho 36, è l'unica che ricordo ancora interamente.
E la dedico alla mia di madre che davvero, ieri, ha compiuto 60 anni.)





Non sempre il tempo la beltà cancella,

o la sfioran le lagrime e gli affanni;

mia madre ha sessant'anni

e più la guardo e più mi sembra bella.



Non ha un detto, un sorriso, un guardo, un atto,

che non mi tocchi dolcemente il core!...

Ah! Se fossi pittore:

farei tutta la vita il suo ritratto.



Vorrei ritrarla quando china il viso

perch'io le baci la sua treccia bianca,

o quando, inferma o stanca,

nasconde il suo dolor sotto un sorriso...



Ma se fosse un mio prego in cielo accolto,

non chiederei del gran pittor d'Urbino

il pennello divino

per coronar di gloria il suo bel volto,



vorrei poter cangiar vita con vita,

darle tutto il vigor degli anni miei,

veder me vecchio, e lei

dal sacrificio mio ringiovanita.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Emanuele Di Marco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia pe la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Emanuele Di Marco, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: A mio padre , di Camillo Sbarbaro (Pubblicato il 18/03/2011 10:23:54 - visite: 976) »

:: Traducendo Brecht , di Franco Fortini (Pubblicato il 15/01/2010 11:16:55 - visite: 1076) »

:: Soldati , di Giuseppe Ungaretti (Pubblicato il 08/12/2008 00:22:39 - visite: 877) »

:: Un amore , di Dino Buzzati (Pubblicato il 12/09/2008 17:43:41 - visite: 1217) »