Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1008 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jan 29 10:33:16 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La concordia

di Simonetta Sambiase
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/09/2011 21:01:28

LA CONCORDIA


Al tempo delle parole nuove

la conta era pagina e notte,

cinque mesi come cinque libri,

e petali di pensiero 

corteggiavano i sinonimi del fuoco

(caldo, rosso, vampa),

si illuminavano gli inchiostri

i segreti  parevano nascere svelati.

Vennero i roghi.

Si mozzarono le campane

perché non suonassero più a nozze,

le vetrate furono rotte,

le veneri lasciate in strada,

e i viali avevano caratteri neri

finivano  ciechi nei vicoli,

buchi di talpa come scarpe.

L'oblio arrivò ai libri 

prima di ogni altra liberazione,

patine di cenere

nella sequenza dell'emancipare

il pensiero da ogni libertà,

perfezione ragionevole

nel grembo del nuovo mondo,

disperato ma affascinante

nel suo scintillio d'accidia

e le fondamenta del paradiso si adeguarono

ed emigrarono le chiavi e le anime

per il ceppo dell'ultimo falò.



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Simonetta Sambiase, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Devo dire a mio figlio #SaveAshrafFayadh (Pubblicato il 12/01/2016 23:54:14 - visite: 685) »

:: Il ritrovo dei luoghi è grande (Pubblicato il 26/01/2014 21:08:41 - visite: 925) »

:: per Else (Pubblicato il 19/12/2013 14:39:03 - visite: 849) »

:: INVERNO - ultimo atto (Pubblicato il 15/01/2013 23:12:33 - visite: 1151) »

:: D’incontri e altre cadute (Pubblicato il 17/12/2012 15:58:29 - visite: 1073) »

:: Fuori fuoco (Pubblicato il 07/09/2012 21:55:55 - visite: 1030) »

:: LUNARIA - le ultime fasi (Pubblicato il 14/08/2012 19:26:58 - visite: 932) »

:: Lunaria (Pubblicato il 22/07/2012 23:06:12 - visite: 1117) »

:: Scosse in un chilo di ciliegie (Pubblicato il 31/05/2012 09:35:51 - visite: 1218) »

:: acronimi Rimpianti (Pubblicato il 25/04/2012 00:18:43 - visite: 903) »