Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 51 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Dec 17 17:14:15 UTC+0100 2017
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

La morte clinica

Argomento: Medicina

di Paolo Melandri
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 03/11/2017 20:21:58

La «morte clinica» segna una fine, quella cui pensano i medici. Non sembra che su questo essi siano tutti d'accordo. Se un organo deve essere impiegato, esso deve essere «in grado di esercitare le proprie funzioni», dunque non del tutto morto. D'altra parte, il donatore non deve più essere in vita. Quest'organo, se congelato, può conservare molto a lungo la sua potenza: già nel culto egizio delle mummie si possono ricordare aspettative di questo tipo.

Ippocrate definì la morte come «l'istante puntuale in cui l'anima abbandona la dimora del corpo». Da ciò molto ancora potrebbe avere inizio. È inquietante quanto ancora possa accadere, negli istanti che immediatamente precedono e immediatamente seguono quel punto.

 

© Paolo Melandri (3. 11. 2017)


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 15)

Paolo Melandri, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Storia della scienza ] Le perle di vetro (Pubblicato il 12/12/2017 20:03:46 - visite: 23) »

:: [ Arte ] La spiritualizzazione della vita (Pubblicato il 11/12/2017 21:30:09 - visite: 19) »

:: [ Biologia ] La svolta (Pubblicato il 07/12/2017 13:02:07 - visite: 32) »

:: [ Filosofia ] Organismo e organizzazione (Pubblicato il 06/12/2017 21:02:54 - visite: 25) »

:: [ Politica ] Guerra e politica (Pubblicato il 06/12/2017 19:27:39 - visite: 20) »

:: [ Psicologia ] Guerra e carattere (Pubblicato il 05/12/2017 19:32:03 - visite: 18) »

:: [ Politica ] Dimensioni del movimento (Pubblicato il 01/12/2017 20:36:04 - visite: 48) »

:: [ Ecologia ] Spirito e anima (Pubblicato il 28/11/2017 19:43:26 - visite: 34) »

:: [ Economia ] La insoddisfazione del benessere (Pubblicato il 27/11/2017 19:23:53 - visite: 27) »

:: [ Arte ] La disposizione ideale dello spazio (Pubblicato il 21/11/2017 20:05:55 - visite: 37) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Il salto (Pubblicato il 16/11/2017 00:00:38 - visite: 48) »

:: [ Politica ] Morte e annientamento (Pubblicato il 15/11/2017 20:40:49 - visite: 38) »

:: [ Psicologia ] Avvicinamenti e apparizioni (Pubblicato il 14/11/2017 21:07:51 - visite: 49) »

:: [ Filosofia/Scienza ] Ultrafisica (Pubblicato il 13/11/2017 19:48:00 - visite: 42) »

:: [ Biologia ] Sul muro del tempo (Pubblicato il 12/11/2017 19:29:47 - visite: 57) »