Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1031 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Mon May 11 17:13:03 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Col telefono nella mano (Mal d’amore_Parte III)

di Davide Rocco Colacrai 2
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 21/01/2009 13:51:17

Col telefono nella mano
(Mal d’amore – Parte III)

E mi ritrovo col telefono nella mano
E lo guardo
Lo guardo, in silenzio
Con un’improvvisa speranza
Che freme da qualche parte, là
Consapevole della perdita
E del vuoto che si è fatto strada, in me
E guardando il telefono
Quel telefono stretto nella mia mano, muto
Penso a te
E vedo apparire il tuo viso, là
Che fa una smorfia di vittoria
Nell’atto di abbandonarmi definitivamente
È vero – io non sono il vincitore
Ma soltanto il perdente della situazione
Sono quello che t’ha amato
Al di là della propria vita
Sono quello che ha tirato il tutto da sé
Per donartelo, con passione
Sono quello che ha creduto e combattuto
Per proteggerti ed amarti davvero
E poi sono rimasto qui
Sospeso in uno dei mille frammenti di vetro
Che tu hai scordato, un giorno qualunque
E mi ritrovo con quel niente
Che mi dona brividi di fredda solitudine
E sensazioni di taglienti rimorsi
Dove sono finito?
Dov’è la vita?
Ma non ci sono risposte da dare
Solo fantasmi lattei
Che aleggiano nel presente
E sanno bene dove conficcare le loro lame
Si – hai ragione
Sembro un patetico bambino
Che non ha ottenuto il giocattolo del momento
Ma sei consapevole d’altro anche
Ho un’anima anch’io, infatti
Ed è per questo
Che da uomo soffro terribilmente
E tento di nascondermi
Tra le ombre del mio stesso essere
Per ritrovare lacrime
Che mi tengono compagnia brillando
Ho desiderato l’amore, e lo sai
L’amore – quello assoluto
Non mi sono accontentato di niente
Non ho goduto dell’istante mai
Ho cercato di andare sempre più in profondità
Per possedere l’anima – la tua anima
Quel prezioso e delicato fiore
Che tanto desideravo
Ed ora invece
Eccomi qua
Mentre inciampo e scivolo
Su quello che ho costruito io stesso, un tempo
Castelli di sabbia e spine
Che l’uccisione del sentimento tenta di distruggere
Ma invano
Più vuoi scordare quel che è stato
E più quel che è stato diventa presente
Ed è per questo che sto divenendo sempre più debole
Questa lotta continua
Mi fa già presagire il sapore della morte
Così amaro per la nostra consapevolezza
Eppure così dolce per le nostre ferite
Ma il cuore dopotutto
Il cuore è invecchiato già
Aspettando il tuo ritorno
E vivendo in un’attesa
Tra consapevoli illusioni
E il telefono
Il telefono resta sempre nella mia mano, ancora.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Davide Rocco Colacrai 2, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Davide Rocco Colacrai 2, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: La solitudine della parola #SaveAshrafFayadh (Pubblicato il 14/01/2016 15:40:54 - visite: 539) »

:: D’un istante, soltanto (Epifania) (Pubblicato il 09/06/2009 10:04:24 - visite: 1026) »

:: Io, sulla mia croce (Pubblicato il 03/06/2009 20:32:19 - visite: 1134) »

:: Solitudine (Pubblicato il 31/05/2009 11:18:19 - visite: 1104) »

:: Anche mia madre (Pubblicato il 29/04/2009 18:46:36 - visite: 1025) »

:: Ceneri nel vento (Briglie slacciate, soltanto) (Pubblicato il 04/04/2009 17:26:11 - visite: 813) »

:: MaleDentro (Pubblicato il 17/01/2009 16:03:59 - visite: 869) »

:: Briciole di rosa (Mal d’amore Parte II) (Pubblicato il 09/01/2009 16:22:45 - visite: 963) »

:: E all’improvviso, tacitamente (Pubblicato il 31/12/2008 10:29:01 - visite: 850) »

:: Cerone d’innocenza (Pubblicato il 30/12/2008 17:21:46 - visite: 1160) »