Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
21 marzo - Giornata Mondiale della Poesia: La Poesia, i Poeti #poesiapoeti »
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1157 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Mar 20 23:56:49 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

- ...cette feuille qui tombe -

di Teresa Milioto
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 06/02/2013 15:51:16

<<...N'est-elle pas ma soeur cette feuille qui tombe,

Par un souffle cruel brisée avant le temps ? 

Ne vais-je pas aussi descendre dans la tombe, 

Aux jours de mon printemps ?...>>
(1839 Gèrard de Nerval, Résignation)



non legge l’albero le foglie
e di gigli invernali il freddo
zigrina la pelle, caglia
quel poco che può
                     la neve
e se per caso,
una carezza intorno
l'anima incrina lieve al fatuo,
ad uno ad uno tu lùmini
di gambi violacei pensieri 
                                agitàti
(sciogliendo)
                                àgitati
che è pallido il nostro spigare
così deserto, così deserto e cieco.
domani in terra io ci ritorno
               per il nostro nulla
           polvere e grani sfoltisco,
rimpicciolisco in un cammino d’infinito
                                         tuo solo, mio
quando intanto di un nodo ne fai due.
ancora, ancora due
                         in una corda sola.

             


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 5 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Teresa Milioto, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Al sole o con me. (Pubblicato il 08/06/2018 18:22:08 - visite: 171) »

:: Celeste (Pubblicato il 10/08/2016 08:28:19 - visite: 657) »

:: gli azzurri (Pubblicato il 07/02/2014 14:04:56 - visite: 947) »

:: Era Modica (Pubblicato il 04/02/2014 13:00:59 - visite: 947) »

:: piove (Pubblicato il 30/01/2014 10:01:49 - visite: 894) »

:: mi rincresce vedere il cielo (Pubblicato il 10/01/2014 13:11:56 - visite: 1145) »

:: tieni in parte questa nebbia (Pubblicato il 07/01/2014 11:32:42 - visite: 846) »

:: ruzzolava quella mania di vita (Pubblicato il 30/12/2013 10:58:24 - visite: 889) »

:: mi spoglia l’oltre (Pubblicato il 22/10/2013 14:20:19 - visite: 961) »

:: pn151013 (Pubblicato il 15/10/2013 21:42:08 - visite: 969) »