Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 285 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 27 12:56:37 UTC+0100 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dichiarazione

di Flavio Manco
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le poesie dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 12/01/2017 01:52:03

Non so esattamente cosa aspetto

una risposta, un'idea, una domanda

forse è arrivata forse no

una volta la chiamavano Musa.

 

Anch'io avevo una musa, ma non mi ascoltava

le parlavo, ma non mi ascoltava,

così cominciai a scrivere, come un pazzo;

uno così fuori di testa non lo avevo mai visto

dicevo ogni volta alzando lo sguardo allo specchio.

 

Chissà che fine abbia fatto la mia ispiratrice,

ora che mi ha fatto disperare del suo essere 

non posso fare a meno di parlare di lei.

Chissà che fai, magari disperi altri.

Lei viveva e mi influenzava, non capivo,

non capisco come, ma provavo emozioni sbagliate.

 

Quante pagine sprecai lo sa dire solo lei,

quante penne consumai sotto quella lampada

imprimendo con forza sul foglio bianco

in cerca di sfogo una matita,

gomma sempre a lato,pronta alla prima parola di troppo.

Molte cose che ti volevo dire sono nascoste

sotto altri scarabocchi ripassati poi in bella.

 

Magari non sono ritmico, erudito, 

ma non devo piacere, io scrivo perchè la mia Musa non sente

faccio ordine nelle mie emozioni e le trasferisco a lei,

perchè se mi rende felice voglio condividere questa bellezza,

se mi rende triste lo deve comprendere.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Flavio Manco, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Flavio Manco, nella sezione Poesia, ha pubblicato anche:

:: Paraclausithyron (Pubblicato il 24/07/2018 01:36:01 - visite: 191) »