Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
ANTOLOGIA PROUSTIANA 2019: UNA NOTTE MAGICA | partecipa
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie"
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Proposta_Poesia
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 80 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu May 23 06:33:54 UTC+0200 2019
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Una sera qualunque a New Haven

di Wallace Stevens 

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 26/02/2019 19:23:18

I significati meno leggibili del suono, i minuscoli rossi
Non sempre percepiti, le parole più leggere
Nel rullio grave del linguaggio, gli uomini interiori

Dietro gli scudi esteriori, le pagine della musica
Negli scoppi del tuono, candele spente alla finestra
quando giunge il giorno, bava di fuoco nel moto ondoso.

Guizzi di minuzie in infime minuzie
E l’eccitazione universale dai busti di Costantino
Alle fotografie del defunto presidente, Mr. Vuoto,

Sono queste le prove e le riprove della forma finale,
L’attività brulicante delle formulae in cerca
Dell’affermazione, diretta o indiretta, mirata,

Come una sera evoca lo spettro del viola,
Un filosofo s’esercita al piano,
Una donna scrive un biglietto e lo straccia.

Non è nelle premesse che la realtà
Sia solida, Forse è un’ombra che attraversa
La polvere, una forza che attraversa l’ombra.

Wallace Stevens da “Aurore d’autunno”


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giovanni Baldaccini, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Cose d’agosto , di Wallace Stevens (Pubblicato il 27/02/2019 11:14:41 - visite: 137) »

:: E lei si chiama ut pictura poesis , di John Ashbery (Pubblicato il 20/12/2018 12:41:31 - visite: 190) »

:: Ti conosco , di Paul Celan (Pubblicato il 19/12/2017 15:38:23 - visite: 443) »

:: tratto da Le notti fiorentine , di Marina Cvetaeva, (Pubblicato il 27/12/2016 20:14:25 - visite: 655) »

:: Jackson Hotel , di Lynda Hull (Pubblicato il 09/08/2016 12:55:11 - visite: 631) »

:: Nei fiumi a nord del futuro da Virata di respiro , di paul celan (Pubblicato il 06/06/2016 14:49:09 - visite: 602) »

:: tenendo le cose assieme , di mark strand (Pubblicato il 26/05/2016 15:34:16 - visite: 366) »

:: da l’allegria in Vita di un uomo , di giuseppe ungaretti (Pubblicato il 22/05/2016 14:20:07 - visite: 514) »

:: il bacio , di anne sexton (Pubblicato il 22/05/2016 14:09:23 - visite: 454) »

:: passaggio con grucce , di charles simic (Pubblicato il 21/05/2016 11:20:55 - visite: 449) »