:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 12/08/2013 12:00:00
Pagina aperta 2374 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Jun 16 02:58:00 UTC+0200 2024

Il senso della possibilità

di Antonio Spagnuolo (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Richiami

 

Torno ai richiami della tua custodia

in curve di magnolie, nello scirocco indeciso,

e il movimento è un tonfo di carotidi incrinate,

di isterie e di rimandi.

 

Sovraccarico d’anni fingo certezze

tra le ombre asimmetriche

per dragare le note di un sospetto:

 

imbrattavo le notti, mentre la sera spezza i tendini

per l’impazienza della monotonia.

Non resta che l'occasione dello smarrimento

amaro tra i graffiti che tracciammo,

così come le molle d’orologio,

le pulsanti invasioni,

l’invito a ciondolare tra gli agguati

sull’orlo del sorriso che non stacca.

 

 

*

 

 

Silenzi

 

Ho nascosto i silenzi nello splendore dei granulociti

nel consueto, alternarsi delle tue promesse,

una musa più ebbra e stupefatta

per il debutto della fantasia

era il congedo di quella spirale

che avvolgeva i ricordi.

Una tregua al mio corpo come d’incanto

l’increspata stesura del ripetere,

lamentosa lingua del proporre le follie del mio segno.

Inquiete le mani tra i capelli

sfidano il registro sconnesso,

quel prodigio che annaspava armonioso

e non sa più come sconfiggere l’autunno

ormai lunghissimo, ingombrante,

nella dimenticanza del riflesso.

 

 

[ tratte da Il senso della possibilità, Kairòs Edizioni, 2013 ]

 

 

 

 

 


# 3 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »