Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia Arte e Scienza: quale rapporto? (invia il tuo contributo entro il 15 gennaio 2020) Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 09/09/2013 12:00:00
Pagina aperta 1643 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Oct 19 13:13:00 UTC+0200 2019

Ci invitarono i cortili

di Georg Heym

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Alle tue lunghe ciglia

 

 

Alle tue lunghe ciglia,

dei tuoi occhi all’acqua scura,

lascia ch’io attinga

lascia che profondamente tenda.

 

Nella galleria il minatore s’avanza

e fosca la sua lanterna barcolla

nella gola dei metalli,

in alto al muro d'ombra,

 

tale, vedi, io al tuo grembo

scendo, ove perdere voglio

nella distanza quel che è del mondo,

luce piena, rovello e giorno.

 

Ai campi ti confondi dove il vento indugia

e del grano s’ubriaca,

lungo e malato un pruno spicca

contro il cielo.

 

Dammi la mano,

così uniti resteremo

spoglie nel vento,

d’uccelli solitario volo,

 

dei temporali estivi

l’organo sfiatato ascolteremo

nel riflesso d’autunno immersi staremo

tra le azzurre sponde del giorno.

 

A volte sul bordo

di una fonte scura indugeremo

a profonda quiete intenti,

il nostro amor cercando.

 

O fuori da ombre

verremo di rilucenti boschi,

grandi contro il tramonto,

che lieve la fronte ti sfiora.

 

Pianto divino,

all’amore eterno asciuga.

Alza il boccale,

dissetati al sonno.

 

Per sostare infine

dove in opache gare il mare

lento di settembre

già entro la baia rifluisce.

 

E lassù aver pace

nella serra dei fiori riarsi

tra le rupi ove del vento

il tremore s’inforra.

 

Ma dal pioppo

che nell’eternità del cielo sporge

già cade una foglia bruna

e sul tuo collo si posa.

 

 

[ Traduzione di Claudia Ciardi, tratta da Ci invitarono i cortili e altre poesie, Via del Vento, 2011 ]

 

 

 

 

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »