Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 ANNI DI RECHERCHE (presso Foollyk, Roma, 3 dicembre 2017 ore 17)
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 25/11/2013 12:00:00
Pagina aperta 1154 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri Nov 17 03:24:00 UTC+0100 2017

Io un cane non ce l’ho - inedito

di Claudia Zironi

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

C’è un momento in questa stagione che vorrei vivere da morta

nella passione ormai tiepida della luce

per le palpebre, che se ne va frettolosa

come non godesse più della compagnia.

Nell’aria indecisa che un momento accarezza

e quello dopo punisce,

come una madre esaurita.

Nel tremolio delle foglie, nei semafori arancioni, nei parcheggi

quasi mai vuoti. Questo momento di stagione,

questa mia età, il mio grande amore, i giochi da bambina

della mia ragazzina, il cane che non ho. Ogni figlio

dello sfinimento che indugia a diventare taglio.

Vorrei vivere da morta

fino a Natale.

 


# 4 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »