Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 08/05/2017 12:00:00
Pagina aperta 545 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Fri May 25 09:33:00 UTC+0200 2018

Aria di fine impero

di Mauro Barbetti (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

“...noi non siamo salvi

noi non salviamo

se non con un coraggio obliquo

con un gesto

di minima luce.”

(A. Anedda)

 

 

1

 

Non si ha cura abbastanza

per le folgori aperte nel nero:

lo spazio è quest’Europa adesso

che langue pingue e non dura

il tempo arriva oscuro e spesso

come attraverso un secolo da fare

verso un altro ancora senza nome.

E pare sempre poco probabile

ogni evento prima che accada

prima che un imprevisto

ce lo consegni a dato di fatto

a cronaca che debutta in Storia

a vetro che porta distanza

come metro di confronto

lontananza che prima non era

o un’altra variazione sulle carte.

Eppure posso sempre immaginare

che l’alzata dei palazzi

i grumi di traffico intercalare

e i passi della gente

si facciano silenzio 

fissità maceria.

Non sarebbe poi così strano

se è solo la norma che l’occulta

il dato visto e rivisto 

la convenienza lo status

se è davvero il pallore della pelle

a negarlo alla ferita

e gli slogan degli stolti

in quest’aria da fine impero.

 

 

2

 

Qui ci rivolgiamo a oggetti

chiamandoli con nome proprio

esponendoli nel cartiglio personale

anagrafandoli in moglie o figlio

e pesano le tasche

di un peso grave e a fondo

un tanto di zavorra e millibar

che s’avverte sopra.

Abituati alla rimozione

per cui l’analisi non dura

e non dà risposte

che nei vocabolari

non trovi “decadenza”

ma parafrasi dubbia

e sibille da interpretare

guardiamo soldi 

seguire rotte sicure

tra le due sponde

ciò che davvero non scompare

sotto la superficie resta

alimenta il grasso e l’odio 

che qui sbroda.

Si cova come un cibo dorato

lo stesso che nutrì e uccise Mida.

Se non torno 

sai dove anch’io sono

nelle mattine d’arancia nella rosa dei venti

in tutto il niente del cielo e del mare sotto.

A fondo

senza nemmeno la fame a giustificarmi.

 

 

3

 

La verità della Storia

non la si coglie dalle scale

necessita di ben altri occhi

e intervalli oltre la vita individuale

non la vedrai nell’ora presente

e neppure aspettando il domani

né tra un mese o oltre.

Dispone piccoli passi

il tempo confonde

dovresti uscire all’attimo dopo

alla luce del già successo.

Così passò l’anno mille 

- mille anni fa -

è trascorso anche il duemila

- sia pur da poco -

e nulla qua è successo

che non fosse

solita vita stentata e morte

- sempre troppa e troppo spesso -

Se tutto non sia già finito

neppure il suo contrario è accaduto.

Ricordami 

- così come avvenne per il dopo -

di aumentare il conto di memoria

per continuare indenne

a esorcizzare l’ultimo saluto.

 

 

[ Poesie terze classificate alla III edizione (2017) del Premio Letterario Il Giardino di Babuk - Proust en Italie | scarica gratuitamente l'e-book del Premio: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=217 ]

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »