Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
Leggi il bando di concorso | Raccolta Fondi
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 17/07/2017 12:00:00
Pagina aperta 415 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Sep 24 05:16:00 UTC+0200 2017

Mondi, quanti siete?

di Claudio Damiani (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

Mondi, abitati dalla vita
e non abitati
quanti siete? Un numero
che non entra nella nostra testa;
esseri viventi più o meno intelligenti
tutti belli, molto simili a noi,
tutti fratelli,
dove siete?
Quando ci vediamo?
Che famiglia strepitosa
grande quanto il cielo
e che casa immensa
con pareti e tetto
tempestato di galassie.
Gente,
dove siete tutti?
Perché state zitti?
Forse siete molto educati
e amate il silenzio
e non volete disturbare.
Belle donne
che i nostri dongiovanni
non possono cacciare
perché vi nascondete?
I vostri veli
ci fanno trasalire
e il vostro camminare piano
si rimescola nei nostri sogni
dietro tante stelle.

 


[ da Cieli celesti, Fazi Editore ]

 

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »