Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore č soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia č proposta dal 12/02/2018 12:00:00
Pagina aperta 680 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Nov 14 07:56:00 UTC+0100 2018

Quasi leggera morte

di Osip Ėmil’evič Mandel’štam

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

4

 

La minima appendice del sesto senso

o l'occhio parietale della lucertola,

i monasteri di lumache e conchiglie,

il parlottio di piccole ciglia scintillanti.

 

L'inaccessibile, com'è vicino!

E non puoi scegliere il nodo, né guardare,

come un biglietto che ti infilano in mano

e devi rispondere all'istante...

 

maggio 1932

 

 

 

5

 

Superando la fissità della natura

il durazzurro occhio ne penetra la legge:

nella crosta terrestre impazzano le rocce,

dal petto sgorga un lamento-minerale.

 

E il sordo miracolo si tende

come per una strada a corno ritorta,

per capire l'eccesso interno dello spazio,

del petalo pegno, e della cupola.

 

gennaio 1934

 

 

 

10

 

Da aghiformi calici appestati

beviamo l'ossessione delle cause,

con uncini tocchiamo grandezze

infime, quasi leggera morte.

 

E di fronte al groviglio delle asticelle

il bambino resta in silenzio -

dorme, l'universo, nella culla

della piccola eternità.

 

novembre 1933

 

 

 

11

 

E dallo spazio esco nel giardino

incolto delle grandezze,

strappo l'immaginaria costanza,

l'autoconsnenso delle cause.

 

E il tuo manuale, infinità, io leggo

da solo, lontano dagli uomini:

selvaggio erbario senza foglie,

libro di problemi delle radici enormi.

 

novembre 1933

 

 

 

[ da Quasi leggera morte, a cura di Serena Vitale, Adelphi ]

 

 


# 1 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »