Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019) | PARTECIPA
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 05/03/2018 12:00:00
Pagina aperta 445 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 15 22:42:00 UTC+0100 2018

D’un continuo trambusto

di Nicola Romano (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

SE TI LEGGO NERUDA

 

Se ti leggo Neruda

poi dirada la noia

disseminata nella sera

che sta contando pustole e veleni

per quelle ore

vizze come foglie

distrutte dal malsecco dei limoni

Ti leggerò dell’onda che s’arriccia

sulle scogliere basse d’Isla negra

e i vicoli sommersi dei fondali

dove la voce afona del mare

sa accompagnare l’anima

lungo le vie d’un altro firmamento

 

Fra strusci di conchiglie

diventeremo occhi che si fondono

sulla falsa platea dell’orizzonte

e sarà proprio un vento di campane

a cullare le alghe alla riviera

o a scoperchiare al sole i boccaporti:

ma ora già scendiamo nella notte

come i pesci s’imbucano alle tane 

e sento che saremo

un’altra musica

 

  

 

QUALE GIORNO

  

Quale giorno aspettare

quello del dì di festa

col fascio d’erba in mano

i giorni della merla o dell’apocalisse

della Santa patrona

che oscilla fra le case

o del nibbio che migra

sperando di tornare?

 

se adesso è solo impaccio

e nero nelle unghie

la mia scorza d’attesa

dura come torrone e vuota come il cielo

Pure una voce sembra sussurrare

che da una soglia in poi

ogni cosa parrà senza ragione

e che false pianure graveranno

sul ristretto cammino che rimane

e diversa sarà ogni imminenza

Intanto metto in fila minutaglie

di piccoli cammei chiusi nel cuore

pur se un vagòre s’apre e si rintana

nell’ombra delle mensole sul muro

 

e il mattino m’adagia solitario

come un tir posteggiato alla frontiera

 

 

[ da D'un continuo trambusto, Nicola Romano, Passigli Editori ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »