Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2018: Cherchez la femme | invito a partecipare
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - IV edizione (2018)
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 16/04/2018 12:00:00
Pagina aperta 229 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sun Apr 22 18:03:00 UTC+0200 2018

Flehmen

di Elisabetta Cipolli (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

NOME

 

Ieri era il mio onomastico: un breve

tratto di strada che non scendeva giù

dalla gola per restare rappreso

nella sottoveste. Se l’immagine

in ogni sua declinazione della

sconfitta perseguita un’impigliata

certezza, allora nel nome ritrovo

un altro sestante dei giuramenti

pagani. E il loro volare scavando

doppio riflette alle mani il tragitto.

 

 

LEONARDO F.

 

Mi aspettava con fiori di oleandro

tra le palme. E io pensavo al numero

dei petali. E al veleno. Rosa e bianchi, e

matematici, e toccati da Ecate

pungevano lisci e scuri al di là dai

tergicristallo. Secondariamente

parliamo in settenari e nel ritmo del

Tempo iniziamo fughe e le sequenze

illogiche delle parole e delle

conchiglie. E del suo aspettarmi resta

la feccia enciclopedica

di conigli e cavolfiori.

 

 

FLEHMEN

 

Ho lasciato che le narici

lo seguissero nel buio

di barba e di ambra.

Così

la chiave del fuoco,

che aveva nella tasca,

tanto agile ad aprire

ogni serratura gelida,

riuscì a tenermi lo sguardo

chiuso

nella tirannia del suo profumo.

Di cosa non so non posso sapere

però trattengo la penombra

con l’occhio e con le anche

per prendermi ogni potenza

del dialogo. Tra le automobili

in sosta e passanti

un’incisione chiara

commuove la memoria delle lacrime.

 

 

 

[ Poesie seconde classificate alla IV edizione (2018) del Premio Letterario Il Giardino di Babuk - Proust en Italie | scarica gratuitamente l'e-book del Premio: www.ebook-larecherche.it/ebook.asp?Id=229 ]

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »