Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio letterario "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" - V edizione (2019)
PUBBLICATI I NOMI DEI FINALISTI
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Poesia della settimana

Questa poesia è proposta dal 11/03/2019 12:00:00
Pagina aperta 216 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Mar 26 13:04:00 UTC+0100 2019

Rifrazioni

di Elio Pecora (Biografia/notizie)

« indietro | versione per la stampa | invia ad un amico »
Invita un utente registrato a leggere la poesia della settimana »
# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »


 

*

 

Conviene che è una strana faccenda

annaspare nel fango occhieggiando le stelle

ed è un'infamia che un dio abbia inventato

il fango in cui tutti annaspiamo.

 

 

*

 

C'era una volta un giardino ai piedi di una collina,

dietro un muro di pietra. Una rete verde di ferro

lo circondava. Vi fiorivano d'estate dalie

gialle e cremisi. Ibiscus bianchi e azzurri,

un loto, un'acacia, un melo verde, un fico

spandevano sul terreno morbido la loro ombra leggera.

Il vento recava i rintocchi di campanili lontani,

abbaii, cinguettii come musiche accordate.

In quel giardino, d'estate, tornava un uomo

che da sempre, il suo sempre, cercava parole esatte

contro il rumore, e là s'illudeva di trovarle

e ne godeva come il dono inatteso di un paradiso.

Poi venivano i giorni delle piogge e delle parole vuote.

 

 

*

 

Servono agli uomini le guerre.

Dopo ricostruiscono le città,

stipulano i nuovi accordi,

rinnovano abiti e arredi.

Prima hanno fortemente voluto

i nemici annientati

cancellate intere nazioni.

Prima ancora hanno rinviato le ansie

che li stritolavano come i serpenti a Laocoonte.

 

In un sacrario sul Garda

vi sono i morti tornati da Rodi e da Bengasi,

da Zagabria e dalla Varesina:

il loro eroismo consiste

nel non trovare risposta.

 

 

*

 

Le piazze sono strapiene di uomini, donne, ragazzi;

avanzano dietro striscioni, chiedono un altro presente.

E vanno intonando canzoni di facili rime

che salgono fino ai terrazzi e l'aria s'imbeve.

In così tanto fervore perdura la pena

− ognuno intende quanto sia ardua l'impresa −

pure ciascuno sa: in molti paesi lontani

sono strapiene le piazze di uomini, donne, ragazzi

che, in lingue diverse, chiedono un altro presente.

 

Il coro immenso si spande nel rosso tramonto

come una sola nuova onesta preghiera.

 

 

*

 

La città che imprigiona ha molte porte

e ciascuna conduce a diversi ritorni.

 

 

 

[ da Rifrazioni, Elio Pecora, Mondadori - Lo Specchio ]

 

 


# 0 commenti a questo testo: Leggi | Commenta questo testo »