Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Una notte magica [ Magie e cunicoli spaziotemporali ], Aa. Vv.
Presentazione il 22 settembre 2019, ore 17 presso il Villaggio Cultura – Pentatonic
 

Biografia di Sophia de Mello Breyner Andresen

Sei nella sezione Proposta_Biografie
Pagina aperta 1819 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Jul 18 11:05:00 UTC+0200 2019

« indietro | versione per la stampa | segnala ad un amico »


E' nata a Oporto nel 1919 ed è scomparsa a Lisbona il 2 Luglio del 2004. Ha trascorso la sua vita tra queste due città, stabilendosi definitivamente a Lisbona in seguito al matrimonio con l'avvocato Francisco Sousa Tavares. Malgrado la provenienza aristocratica, divenne una delle figure più rappresentative della politica liberale rivestendo un ruolo civico e sociale importante durante il regime salazarista, così anche la sua poesia si fece via via più attenta ai temi dell'ingiustizia e della corruzione. È una delle figure più amate della poesia portoghese contemporanea, fece parte della generazione di Cadernos de Poesia (1940) e collaborò alle riviste "Távola Redonda" e "Árvore". La poesia della de Mello Breyner Andresen è profondamente mediterranea, sostenuta da elementi semplici ed essenziali che esprimono un profondo bisogno di tornare alle origini, di ritrovarsi nella propria interezza. La luce inonda i suoi versi sottolineandone la necessità di vedere e confrontarsi con una realtà senza veli, nel suo completo e complesso splendore. Testi asciutti ed essenziali che sanno esprimere la felicità più vera e più pura, quella che scaturisce dalla scoperta del reale, dalla presenza stessa delle cose che si offrono a noi nella loro intima essenza, nel tentativo d'impedire al tempo, che tutto trasforma, di trascinare con sé anche gli elementi decisivi e che rappresentano l'unione sacra tra l'uomo e la natura. Il suo primo libro, intitolato Poesia, fu pubblicato nel 1944, e a questo seguirono numerose raccolte poetiche: Dia do Mar (1947), Coral (1950), No Tempo Dividido (1954), Mar Novo (1958), O Cristo Cigano (1961), Livro Sexto (1962), Geografia (1967), Dual (1972), O Nome das Coisas (1977), Navegações (1983) e Ilhas (1989: Ha scritto due libri di racconti: Contos Exemplares (1962) e Histórias da Terra e do Mar (1984) e sette volumi per l'infanzia. Significativa è anche la produzione saggistica e l'attività di traduzione, tra questi lavori ricordiamo la traduzione in portoghese de Il Purgatorio di Dante. (Fonte: www.filidaquilone.it)