Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray [invito a partecipare]
LaRecherche.it sostiene "la via immortale", da un’idea di Lello Agretti
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VI Edizione 2020
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Recensioni
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
Pagina aperta 1283 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Jun 13 14:42:38 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Effi Briest

Narrativa

Theodor Fontane
Garzanti

Recensione di Giuliano Brenna
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutte le recensioni scritte dall'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/12/2007

Un delizioso romanzo intimista di fine ottocento in cui la giovane protagonista viene indotta a sposarsi appena diciassettenne con un "buon partito". Poi verrà l’adulterio con un ufficiale di cavalleria, più che per passione per noia o per desiderio di novità, la condanna da parte del marito (con regolare duello e morte dell’ufficiale) e della famiglia che causa un amaro isolamento per la povera Effi e quindi la morte precoce della stessa. Una giovane vita rapidamente bruciata dalle convenzioni sociali. Infatti sebbene nel libro accadano ben poche cose - e ai giorni nostri il genere di matrimoni descritto nel romanzo ci possa apparire solo romanzesco - nella calma apparente che permea la vicenda si nasconde invece una dura condanna dei costumi dell’epoca. Effi viene praticamente indotta dalla famiglia a sposarsi, forse dal desiderio di vederla felice ma soprattutto dall’ambizione di affidare la figlia ad un marito in vista e con ottime prospettive di arricchimento. La ragazzina non sa neanche esattamente cosa sta per succederle alla vigilia del matrimonio, ma inetrrogata dalla madre si dichiara certa di amare il futuro marito. In realtà Effi sta portando a termine un affare per la famiglia, incosapevolmente, ma sicuramente dell’amore non sa nulla, come non sa nulla della vita reale. Questa era la condanna di moltissime fanciulle dell’epoca: un matrimonio combinato dai genitori che però portava spesso con sé disastri perché la forza dei sentimenti prima o poi prorompe, da ciò l’accusa di Fontane alla sua epoca, inserita in un libro molto elegante, scritto (e tradotto) assai bene, senza fronzoli o personaggi superflui. Sicuramente da leggere tra Natale e Santo Stefano per la sua aria familiare (sebbene non auguro a nessuna famiglia di fare la stessa fine).

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »