Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
10 luglio 2020: 149 anni dalla nascita di Marcel Proust
Leggi l'Antologia proustiana 2020: Quarantena a Combray
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 950 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Jun 30 04:24:33 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Cesare e l’UFO

di Medina Lariana
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 30/09/2013 17:15:27

L’acronimo UFO in lingua nostrana perde molto del suo fascino, infatti, OVNI (Oggetto Volante Non Identificato) non evoca alcunché in nessuno di noi. Dalla sera in cui ho visto l’OVNI svolazzare sopra il mio condominio, anzi dalla mattina seguente, la mia vita è cambiata. In meglio. No, non mi hanno rapito e non mi hanno rivelato nessuna verità, assoluta o meno. Nessun  buon consiglio, hanno solo svolazzato come turisti.

Non era notte fonda, non ero solo e nulla di strano aveva preceduto l’evento. La “cosa” si era infilata tra i due condominii che affacciano sul mio cortile, si era soffermata un istante all’altezza del mio balcone, poi un altro istante davanti al balcone del vicino, poi se n’era andata. Né io ne il mio vicino abbiamo potuto fornire una descrizione dell’oggetto luminoso, a parte il fatto che era, appunto, luminoso. Il fatto che altre persone, oltre a me, quella sera l’abbiano visto mi ha tranquillizzato circa la mia salute mentale.

Va da sé che la notte non ho dormito. Sono stato costretto a riflettere sui fatti della vita, la mia e quella dell’intero genere umano.

Poco avvezzo ai pensieri cosmici, mi sono documentato e sono partito da alcune considerazioni pratiche.

Supponendo che l’OMVI non svolazzasse per “istinto” ma che fosse guidato da una precisa volontà, sua o di qualcuno al suo interno, o di qualcuno chissà dove, sorge spontanea una casalinga analisi delle ipotesi in circolazione che, ho scoperto, essere sostanzialmente due.

 

Loro sono cattivi e noi buoni.

Che qualcuno venga dello spazio per distruggerci è escluso; ci riusciamo benissimo da soli. Al momento siamo una minaccia solo per noi stessi. Sempre supponendo che siano superdotati, non avrebbero la necessità di svolazzarci attorno, potrebbero far saltare il pianeta e fine della storia.

Che vogliano impadronirsi delle risorse che abbiamo così accuratamente dissipato, implica che loro abbiano fatto la stessa cosa a casa loro. Questo magari ce li rende meno estranei ma non ci rivela nulla di nuovo.

Che noi, e l’intero nostro sistema solare, si faccia parte di un esperimento scientifico l’ho pensato tante volte. Qualcosa di infinitamente piccolo e, proprio  per questo, di nessuna importanza. In questo caso le luci che svolazzano sarebbero paragonabili alla nostra nanotecnologia. Non capita quasi mai di domandarsi quali siano le preoccupazioni di un batterio, quindi mi sono fatto l’idea che al nostro ricercatore extraterrestre interessi poco della pacifica convivenza fra i popoli, e anche della rata del mio mutuo.

Che alcuni di questi esseri si siano da tempo infiltrati tra gli uomini, occupando posizioni di potere è un’ipotesi molto “umana” che spiegherebbe, assolvendoci, il malfunzionamento dell’intero sistema Terra. L’influenza degli extraterrestri sulla mia vita non sarebbe nulla di diverso da quello che già è, salvo nuovi peggioramenti.

 

Loro sono buoni e noi cattivi.

Se, come sostiene qualcuno, gli ONVI sono manovrati da creature senzienti e molto più evolute di noi, che calcano la terra da tempo immemorabile, allora forse la loro titubanza nel manifestarsi ha qualche giustificazione di tipo storico. Se fossero buoni, potrebbero aver mandato diversi ambasciatori già in tempi antichi e noi potremmo, magari involontariamente, averli ammazzati. A quanto pare le ultime parole di Gesù di Nazareth furono: “Elì, Elì, lemà sabactàni?” [Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?]. Con tutto il rispetto; l’evangelista Matteo di lavoro faceva l’esattore delle tasse e l’Imperatore Costantino era un mago del "copia/incolla". Non è escluso che il Nazareno, scrutando il cielo, abbia detto qualcosa del tipo “Venitemi a prendere che qui mi fanno fuori”.

Nel 1977 abbiamo lanciato nello spazio Il “Voyager Golden Record”, un disco contenente le informazioni sulla terra e i saluti in tutte le lingue del pianeta, ma potremmo aver ammazzato qualche messia anche dopo il ‘77.

Cosa vuol dire essere buoni? Non sentire il desiderio di far del male, senz’altro, ma significa anche avere mirabolanti capacità extrasensoriali, tipo lettura del pensiero e via dicendo? L’essere buoni implica, anche per loro, desiderare di aiutare gli altri? In questo caso il patrocinio di questi esseri “superiori” nei confronti degli umani lascia un po’ a desiderare. Per certi versi siamo portati ad attribuire agli extraterrestri le stesse prerogative, puntualmente disattese, che attribuiamo a un Creatore. Il fatto che il Creatore si sottragga alle proprie responsabilità, giocandosi la carta del libero arbitrio, non ci scoraggia.

“C'è Auschwitz, quindi non può esserci Dio” diceva Primo Levi. C’è sempre un’Armenia, una Cambogia, un Ruanda, un Mali o una Siria a disposizione di qualsiasi essere superiore desideroso di mostrare la propria bontà al mondo. Se Hitler fosse stato rapito dagli alieni prima di progettare l’olocausto nessuno sulla Terra se ne sarebbe lamentato.

 

Sono “cazzari” come noi, solo che loro hanno il Suv spaziale

Se nel mondo dal quale questi esseri provengono fosse in atto una guerra, allora potremmo considerarli rifugiati politici. Nulla impedisce loro di parcheggiare l’astronave a Ginevra e presentare la loro istanza a chi di dovere.

Ultima ipotesi: vengono sulla Terra per turismo, infilandosi tra i condominii come il Suv del milanese tra le acque dell’area marina più protetta della Sardegna. Questo spiegherebbe perché non si mischiano con i nativi e anche perché calpestano i raccolti disegnando cerchi nel grano.

 

 

A questo punto il fatto di averne visto uno mi sembra poco importante. Non saranno gli OVNI a cambiarmi la vita e certamente non sarò io a cambiare la loro. Cattivi, buoni o dotati di supertecnologia, non vogliono comunicare con noi e quindi “vederli” non ci serve a nulla.

Avevo sperato in una grande rivelazione, ma il mio Ufo ha dato buca, come i Maya. Le cose che so sono le stesse che sapevo prima.

Il fatto è che quando bevo tutto cambia, in meglio, almeno per un po’. La visita dell’Ufo, ne sono certo, giustifica e autorizza una bevuta colossale. Il senso di onnipotenza che arriva giusto un momento prima della nausea dura poco ma mi eleva allo stato di essere senza limiti. Credo di avere dei poteri inespressi, e delle domande talmente annoiate che quasi non cercano più risposte.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Medina Lariana, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Medina Lariana, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Seveso - Taranto (Pubblicato il 31/07/2012 19:05:52 - visite: 1082) »