Sostieni il nostro comune progetto: diventa Socio e/o fai una donazione
:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  :: Posta ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk - Proust en Italie" VII Edizione 2021
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Prosa/Narrativa
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1002 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Wed Sep 23 06:16:20 UTC+0200 2020
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

APPUNTI SEGRETI DA UN VIAGGIO

di Giampaolo Cavallero
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i testi in prosa dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 11/09/2011 15:07:08

E dopo aver attraversato per giorni e giorni la Foresta Degli Enigmi Insoluti, lo Gnomo
raggiunse un piccolo Paese sperduto in un angolo della Grande Pianura Alluvionale.
Un Paese dal nome dolcissimo(.....!?!). Intorno alla Piazza Centrale aiuole e giardini.
L'unico interminabile boulevard - una doppia fila di sempreverdi - intersecava nel mezzo
la ragnatela delle contrade: salubre conforto all'Estate afosa e naturale benessere per ogni
altra stagione. lo Gnomo si guardò intorno,stupito. Vedeva solo Giganti al suo cospetto.
Di ogni età. Giganti giovani, meno giovani, bambini. E nessuno che gli rinfacciasse la goffa
sua statura. Non la notarono neppure,indaffarati - com'erano - a provvedere a qualcosa o
a qualcuno. Solo il più anziano del Paese raccontava che il MATTO - molti anni prima -
era passato di lì. " Ed io - ricordo - gli ho anche parlato ", ripeteva con una punta d'orgoglio.
" Allora,sì che ero giovane! Poco più che un ragazzino,che pretendeva di capire Tutto e
Subito ". Lo Gnomo non rispose. Ma - facendosi in disparte - si affrettò a consultare i suoi
Tarocchi che teneva sempre a portata di mano. Quando si voltò, scoprì - dietro di sè -
soltanto la sagoma tozza della sua ombra, e accanto quella di un bel micio bianco con grandi
chiazze nere, che lo stava fissando pigramente sopra una panchina.


                                                                            inedito (1997)



« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 2 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giampaolo Cavallero, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.