:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Una Maddalena a Salvatore Quasimodo

di Alda Merini 

Proposta di Cosimina Viscido »

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 01/11/2011 08:09:21

Uomo, mi hanno condotta dall'estremo
dove vivevo intera la mia vita
al Tuo opposto tremendo di giustizia:
che cosa dedurranno dal confronto
dei nostri due insondabili principi?

Qualcuno certo, conscio del Tuo inizio,
tratteneva i Tuoi volti successivi
in un travaglio cieco di rapporti
ma io, ancor prima che gli anelli tutti
della mia vita fossero congiunti,
mi distaccai precipite dal nulla
e proclamai la carne concepita.

Uomo Perfetto, cosa dannerai
di questo seme che, nel modularsi,
s'è rinforzato solo di se stesso
senza estasiarsi in giochi di virtù?

Certo conoscerai che equilibrando
ogni comandamento che mi esorta
a saturarmi tutta di peccato,
che riportando a questo intendimento
la perfezione delle mie lacune,
confluirei con adeguato passo
verso una vita lineare e assente.
Ma per ora, il peccato, del mio tutto,
resta la tappa ultima e possente
ed un ritmo incessante di condanna
mi rigetta dal muovermi comune.

Quando, fanciulla appena, mi concessi,
quando mi sciolsi per la prima volta
da quel bruciore acuto di purezza
che sublimava ambiguità tremende,
sentii l'impegno che covava dentro
crescere, quasi a forza di missione.

Non ho altra virtù che di condurmi
a prodigiose altezze di consenso
e una stanchezza illimite mi prende
se non mi adagio sopra un'altra forma...

Allineando tutte le mie ombre
volte perdutamente verso terra,
posso durare un tempo indefinito
accentrata in un'unica figura.

Ma che dolore sale le mie braccia
reggenti il grave fascio di me stessa:
l'essere dura giova solamente
a questa dubbia resistenza mia...
Sotto il piede che immagino sicuro
cerco il terreno viscido di sempre:
la tentazione è come un tempo lungo
ch'io devo bere, abbrividendo, in fretta...

Guarda, perchè, previeni il Tuo guardarmi
con errata coscienza di pudore?
Guarda, senza sapere l'astinenza,
queste carni purgata dal piacere,
questi occhi sinceri nell'orgoglio,
queti capelli dal profumo intenso
di vita e di memorie...
Peccato questo vivere me stessa?

So che la santità germoglierebbe
esercitando in me falsi connubi,
ma assegnami una giusta tolleranza
se l'indulgenza nega questo passo,
fa che il ritorno al vivere di sempre
non sprofondi nel buio di un abisso
e che non mi si dia maggiore colpa
se come gli altri, e con eguale indugio,
gioco il distacco della mia matrice.

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Cosimina Viscido, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Cosimina Viscido, nella sezione Proposta_Poesia, ha pubblicato anche:

:: Quella sera che ho fatto l’amore mentale con te... , di Vivian Lamarque (Pubblicato il 10/02/2014 11:37:57 - visite: 3809) »

:: Nuvole... , di Fernando Pessoa (Pubblicato il 02/02/2014 19:48:31 - visite: 2206) »

:: Monologo del non so , di Mariangela Gualtieri (Pubblicato il 25/01/2014 14:17:07 - visite: 8998) »

:: Abbandonato sulle montagne del cuore... , di Rainer Maria Rilke (Pubblicato il 28/09/2013 11:55:41 - visite: 2948) »

:: Quanto più puoi , di C. Kavafis (Pubblicato il 02/02/2013 17:57:47 - visite: 4483) »

:: Frammento da Adonais , di Percy Bysshe Shelley (Pubblicato il 14/01/2013 18:46:01 - visite: 2815) »

:: In un vecchio libro , di Costantino Kavafis (Pubblicato il 12/05/2012 09:20:30 - visite: 2143) »

:: Quando si destano , di Costantino Kavafis (Pubblicato il 12/05/2012 09:05:03 - visite: 2133) »

:: La vanità , di Giuseppe Ungaretti (Pubblicato il 06/05/2012 15:43:57 - visite: 3806) »

:: L’attimo carnale seguì le intenzioni... , di Giuseppe Ligresti (Pubblicato il 15/04/2012 20:12:23 - visite: 1871) »