:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
“Poco allegretto”, di Manuel de Freitas [collana Poesia]
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 1025 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Nov 25 07:57:54 UTC+0100 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Disabilità

di Anna Dragone
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 17/05/2014 22:45:43

Oggi voglio parlare di un argomento che mi tocca in prima persona.
Cerchiamo di capire cosa significa essere genitore di un bambino disabile ed in particolare di questo tipo di disabilità.
Hai cresciuto nel grembo un feto, a detta dei medici e delle analisi, perfettamente sano.
Ha occhi, naso, bocca, cervello, braccia, mani, gambe, piedi, cuore e polmoni, tutti al loro posto.
E tu assapori ancor più fiduciosa , la tua felicità e l'appagamento della maternità.
Il pargolo nasce, è bellissimo, perfetto, in estasi lo guardi, indifeso, nel tuo caldo abbraccio.
Le prime tappe si concretizzano normalmente, è solo un bimbo che piange molto, a volte, neanche tutto il tuo amore sembra placare il suo disagio.
Sono tappe normali della crescita, ti consolano.
Sembra svilupparsi come tutti gli altri, il suo sguardo è più serio e concentrato, cerca nel tuo, qualcosa che non trova.
Mal sopporta i rumori e i cambiamenti, ma cammina, salta, corre, e come corre .....
Il primo inquietante campanello d'allarme, ha quasi tre anni e non parla dice solo due o tre parole, le stesse che con poche altre saranno vocabolario suo anche a cinque.
Cominciano serie di visite, consulte con neuropsichiatri. Lo sondano e lo scanerizzano da tutti i lati, propongono terapie.
Estenuante, faticosa vita, fatta di chilometri percorsi, speranze defraudate, disperazione nera e al fine rassegnazione.
Il tuo bambino è lì, bello come il sole, è un angelo divino senza voce, agnello mansueto alle carezze, belva feroce a difesa del suo territorio, scimmietta dispettosa e grande arrampicatrice, non accetta regole né tantomeno rimproveri.
Non ha freni inibitori, né remore, non si sente colpevole.
Ha un intelligenza tutta sua, che a volte ti stupisce, altre ti allibisce.
Chissà quali alchimie devastanti si sono mischiate nei suoi geni, eppur le analisi smentiscono," al momento non troviamo spiegazioni ".
E' duro e faticoso essergli genitore, a volte anche appagante, sicuramente stressante.
Ti sei lasciato alle spalle, momenti d' incredulità, seguiti poi dalla costernazione, il pianto, la rabbia ed ora la forzata accettazione.
Non sarà mai come doveva essere, non vuoi chiederti più perché, non vuoi pensare al domani per non lacerarti il cuore.
Un esimio dottore ti dice parole che ti scardinano l'anima e si scolpiscono indelebili nella mente :
" Il suo cervello è come un ascensore bloccato ai primi piani che continua a sbattere le porte, non raggiungerà mai il piano attico..."
Quante lacrime su queste parole, ti hanno ucciso la speranza , se speranza ...c'era.....

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 3 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Anna Dragone, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Anna Dragone, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Un senso della vita (Pubblicato il 11/04/2014 14:20:12 - visite: 630) »

:: L’ottimista (Pubblicato il 07/04/2014 23:59:19 - visite: 668) »