:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 771 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Thu Apr 15 19:05:18 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Ottava arte, sbilanciandomi

Argomento: Arte

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2015 18:58:39

Gli artisti che più stimo sono coloro che , grazie alle loro virtù e i loro talenti , non rinunciano mai alla ricerca di ciò che è nuovo. Non bisogna lasciare che sia solo il passato a dominare l'importanza artistica, occorre andare alla ricerca di ciò che i nuovi tempi e le nuove generazioni possono offrirci. La difficoltà maggiore è riposta soprattuto nell'abbattimento dei pregiudizi di massa. I videogiochi sono un esempio di ciò che può essere definito nuovo. Purtroppo a causa di troppi videogiochi ripetitivi,violenti e stupidi il fenomeno videoludico è sempre stato assoggettato ad una scarsa rilevanza culturale. Tuttavia è innegabile porre dei parallelismi con le altre arti. Esistono film mediocri culturalmente deboli ma nonostante questo , il cinema rimane un'arte. Esistono complessi musicali e cantautori che non sono definiti ne rinnovatori , ne grandi interpreti di un particolare genere musicale. Tuttavia la musica è una delle arti più importanti. Perchè non è lecito applicare questi esempi alle opere videoludiche? Sostanzialmente un videogioco è un'esperienza videoludica interattiva , un vero e proprio testo audio/visivo che può comunicare importanti messaggi sociali e culturali. Grazie ai capitoli della saga di Metal Gear Solid ad esempio, i giocatori verranno a contatto , tramite le complesse trame e sottotrame dei titoli della serie, a stretto contatto con importantissime tematiche sociali reali quali moralità, genetica , terrorismo, storia e filosofia. Tutto questo è inoltre stra-condito da elevate citazioni di ogni genere (durante le sequenze filmate del gioco, ci si può trovare impegolati ad ascoltare discussioni riguardanti testi Shakespeariani!).

Bado bene a non far sì che l'idea di prendere in considerazione il videogioco come strumento culturale , anzi di diffusione culturale, non crei l'arte di videogiocare. La mia proposta in effetti sta nello stabilire che un game designer può essere definito artista. Chiunque ascolti La Regina della Notte è un notevole compositore musicale come lo era Mozart che l' ha composta?  Chi osserva e riflette sulla Notte Stellata è uno strabiliante pittore come lo era Van Gogh?

E' possibile anche chiedersi un'altra cosa. Colui che videogioca e sventa un attacco terroristico guidando il proprio alter-ego corrente è un game designer abile e colto comeHideo Kojima?

E' abbastanza allarmante inoltre rendersi conto di quante poche persone riflettino su quanta arte si celi dietro alla lavorazione di un videogioco di nuova generazione. Chissà se i "conservatori" immaginino quanti disegnatori sono ingaggiati per realizzare concept di videogiochi ; se si rendono conto che le colonne sonore dei videogame sono mastodontiche e di incredibile spessore tanto più che ormai oggi moltissimi compositori cinematografici lavorano a stretto contatto con gli sviluppatori (Hans ZimmerHarry-Gregson Williams...) ; se hanno una vaga idea della narrativa necessaria per realizzare delle sceneggiature presenti in alcuni videogiochi (cito senza togliere niente agl'altri Mass EffectThe Elder Scrolls Final Fantasy). Penso che sia inutile continuare questa lunga serie di domande retoriche.

Il lavoro che si cela dietro allo sviluppo di un videogioco è notevole. Questo sviluppare videogiochi in modo così minuziosamente curato e colmo di elementi culturali non può essere definita ottava arte (videogame) ,  potrebbe essere riconosciuto come potente strumento mediatico dalla rilevante influenza culturale. Sempre ricordando che non tutti i videogiochi sono di grande spessore, come non lo sono tutti i film,tutti i libri o tutte le composizioni musicali.


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] Lo and Behold - Herzog e la sua favola di internet (Pubblicato il 17/06/2017 18:07:06 - visite: 464) »

:: [ Cinema ] Taxi Teheran : il meta-film di protesta di Jafar Panahi (Pubblicato il 22/10/2015 19:34:09 - visite: 688) »

:: [ Cinema ] Sugar Blues : lo zucchero può uccidere, il cinema no (Pubblicato il 22/10/2015 19:16:06 - visite: 609) »

:: [ Cinema ] ’Nessuno Siamo Perfetti’ : la vita di Tiziano Sclavi (Pubblicato il 22/10/2015 19:13:20 - visite: 603) »

:: [ Cinema ] Il documentario tra poesia e impegno storico:Patricio Guzmàn (Pubblicato il 22/10/2015 19:07:00 - visite: 575) »

:: [ Cinema ] Considerazioni su Terminator Genisys (Pubblicato il 20/07/2015 19:43:04 - visite: 873) »

:: [ Cinema ] Picnic with Weissman - Considerazioni (Pubblicato il 10/03/2015 19:28:42 - visite: 673) »

:: [ Cinema ] Arancia Meccanica - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:12:57 - visite: 860) »

:: [ Cinema ] M. Butterfly - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:00:36 - visite: 668) »

:: [ Cinema ] Black Swan - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 20:55:08 - visite: 1052) »