:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | Video proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
Premio "Il Giardino di Babuk" VII Edizione 2021: intervista a Raffaela Fazio
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Articoli
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 718 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Tue Apr 13 03:58:28 UTC+0200 2021
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Harry Potter e i doni della morte Parte 1 - Considerazioni

Argomento: Cinema

di Piero Passaro
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti gli articoli dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 08/03/2015 19:25:21

Harry Potter e i doni della morte Parte 1 - Recensione
L'aria Novembrile anti-natalizia è giunta accompagnata dal consueto appuntamento con il maghetto immaginario della scrittrice più famosa del mondo, J.K. Rowling. L'ultimo capitolo della saga di Harry e soci è stato diviso in due parti,decisione intrapresa sicuramente dalla solita Warner per raddoppiare i guadagni e avere un box-office esplosivo. Questa prima parte in realtà,non ha convinto molto ; se si contano i soliti effetti-speciali digitali "a sfondo verde" ben poco rimane di questo capitolo. Per poco più di due ore,si assiste ad una trama confusa,spezzettata e che mai esplode non riuscendo a coinvolgere il pubblico. Il tentativo del regista (Yates) di lasciare quasi ogni scena in sospeso, di mostrare dialoghi sconnessi,continui flashback da parte dei protagonisti è azzardato e poco efficace. Inoltre lo spessore recitativo dell'intero lungometraggio viene a perdere spessore inevitabilmente ; Gary Oldman e Michael Gambon (Sirius Black e Albus Silente) sono scomparsi dalle scene per la morte dei rispettivi personaggi) , Maggie Smith (Mc Granitt) purtroppo manca sui set perchè malata, l'infinita Helena Bonham Carter (Bellatrix Lastrange) , Alan Rickman (Piton) , Brendan Isaacs (Malocchio Moody) e tanti altri sono ridotti a piccole-relative comparse facendo incentrare sui tre protagonisti centrali quasi tutto l'intero copione. Emma Watson a parte (Hermione) , gli altri due protagonisti non intensificano mai le scene come il libro suggerirebbe e non riescono a dare spessore alla filo narrativo. Un altro errore quasi evidente è proprio quello di avere stravolto la struttura classica dei film di Harry Potter che tanto affascinavano il pubblico (l'inizio a hogwarts, l'introduzione dei nuovi personaggi di rilievo,lo sviluppo dell'intreccio e l'epilogo) con il risultato di disorientare in modo profondo i fan offrendo scene che convincono. Tuttavia si potrebbe sicuramente dire che lo schema solito dei film di HP non era possibile , da parte della direzione e sceneggiatura, riattuarla come di consueto poichè non sarebbe stato "narrativamente" giusto secondo gli scritti della Rowling. In complesso un film non bene prodotto quasi appositamente per allibire gli spettatori a nutrire un ghiotto interesse e una grande voglia di guardare quello che sarà la vera conclusione, l'eredità dei film di HP ; I Doni della Morte parte 2.
Non ci rimane che sperare in una magia anti-delusione!


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Piero Passaro, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Piero Passaro, nella sezione Articolo, ha pubblicato anche:

:: [ Cinema ] Lo and Behold - Herzog e la sua favola di internet (Pubblicato il 17/06/2017 18:07:06 - visite: 464) »

:: [ Cinema ] Taxi Teheran : il meta-film di protesta di Jafar Panahi (Pubblicato il 22/10/2015 19:34:09 - visite: 688) »

:: [ Cinema ] Sugar Blues : lo zucchero può uccidere, il cinema no (Pubblicato il 22/10/2015 19:16:06 - visite: 610) »

:: [ Cinema ] ’Nessuno Siamo Perfetti’ : la vita di Tiziano Sclavi (Pubblicato il 22/10/2015 19:13:20 - visite: 604) »

:: [ Cinema ] Il documentario tra poesia e impegno storico:Patricio Guzmàn (Pubblicato il 22/10/2015 19:07:00 - visite: 576) »

:: [ Cinema ] Considerazioni su Terminator Genisys (Pubblicato il 20/07/2015 19:43:04 - visite: 874) »

:: [ Cinema ] Picnic with Weissman - Considerazioni (Pubblicato il 10/03/2015 19:28:42 - visite: 673) »

:: [ Cinema ] Arancia Meccanica - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:12:57 - visite: 860) »

:: [ Cinema ] M. Butterfly - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 21:00:36 - visite: 668) »

:: [ Cinema ] Black Swan - Considerazioni (Pubblicato il 08/03/2015 20:55:08 - visite: 1053) »