:: Pagina iniziale | Autenticati | Registrati | Tutti gli autori | Biografie | Ricerca | Altri siti ::  :: Chi siamo | Contatti ::
:: Poesia | Aforismi | Prosa/Narrativa | Pensieri | Articoli | Saggi | Eventi | Autori proposti | 4 mani  ::
:: Poesia della settimana | Recensioni | Interviste | Libri liberi [eBook] | I libri vagabondi [book crossing] ::  :: Commenti dei lettori ::
🖋 classifica e vincitori del Premio Il Giardino di Babuk - Proust en Italie - VIII edizione 2022
 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso. (da "Il tempo ritrovato" - Marcel Proust)

Sei nella sezione Pensieri
gli ultimi 15 titoli pubblicati in questa sezione
gestisci le tue pubblicazioni »

Pagina aperta 749 volte, esclusa la tua visita
Ultima visita il Sat Aug 13 16:16:03 UTC+0200 2022
Moderatore »
se ti autentichi puoi inserire un segnalibro in questa pagina

Dramma umano di chi professa e ne rimane invischiato

di Giusy Sturiale
[ biografia | pagina personale | scrivi all'autore ]


[ Raccogli tutti i pensieri dell'autore in una sola pagina ]

« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »




Pubblicato il 13/09/2014 00:03:57

Tralci di vita, di questa vita sopraffatta dagli eventi e l'impossibilità a fronteggiarli tutti mi sovrastano, che fare? Non ho via di scampo, voglio finire quelle voci che non sanno più di niente, sono vicine e mi tormentano ogni giorno, vorrei resistere e forse a tratti sembro averle sconfitte e poi di nuovo a tempestarmi i timpani. Sembravano aiutarmi ed ora ne sono ossessionata, sembravano esserci, ed ora sono solo a farmi male, com' è possibile tutto quel bene che mi dicevano, andato in fumo ed io che ci muoio dentro. Oh com'era santo e giusto quell'uomo e i suoi seguaci, fede cristiana ad aiutarmi nei momenti tristi, bui e sofferti nella mia vita mortale, e poi all'improvviso il niente, solo perché non mi è sembrato giusto qualcosa, qualcuno e subito contro come fossi colei che più non può. Sarà che forse sbaglio, eppure non mi sembra, che ho fatto io per meritarmi questo, fedele ed osservante in ogni momento presente, e poi è questa la missione del mondo che ci crede?

 

Ed i pensieri miei marciscono, in questo sottobosco fatto di credo e di obbedienza, ad un'idea ma poi, è davvero quella, o solo di chi uomo si è fatto apostolo di un Dio forzando il suo volere? Ora non posso farcela, troppe e troppe ancora le voci mi ossessionano, sono sul punto di cadere e battere e voglio soltanto terminare le mie giornate e ore trascorse nell'attesa che possa finire io tra quelle mani sporche d'uomini ciechi di fronte alla vita e avidi solo di proseliti nel mondo come una tempo per affermarsi.

 

E allora che rimane di me che ho fatto e detto come hanno voluto, voglio morire non resta che quest'ultimo atto. Afferro adesso un'arma alla mia vista, voglio portare con me me stessa e quella figlia che ho messo al mondo con amore e loro se la vogliono rubare. Ecco qui affondo questa lama lucida, e poi ancora qui nel mio corpo, sento che sto svenendo, perché adesso mi vogliono salvare? No, no, vi prego, lasciateci morire, non un giorno in più voglio restare in questa vita che non mi ha dato niente, e voi che avete portato avanti quelle insegne d'amore, adesso comprendo il vostro bacio traditore. Lasciatemi morire, voglio il perdono da chi sopra di voi è solo Amore, voi inutili intermediari e poveri nell'animo, voi abbandono e ahimé so che farete ancora male. Che muoia adesso, non c'è più nulla da fare, eppure la mano di qualcuno adesso mi solleva, sento che sta portando in vita ciò che mi resta, cosa succederà adesso di noi, di me che ho ferito una bambina, mia figlia innocente, e me colpevole soltanto d'aver creduto in gesta umane?

 

 

 

 

 

Il mondo non è una punizione, ma una ricompensa

(Osho)

 

 

 

 

 

 


« indietro | stampa | invia ad un amico »
# 0 commenti: Leggi | Commenta » | commenta con il testo a fronte »

I testi, le immagini o i video pubblicati in questa pagina, laddove non facciano parte dei contenuti o del layout grafico gestiti direttamente da LaRecherche.it, sono da considerarsi pubblicati direttamente dall'autore Giusy Sturiale, dunque senza un filtro diretto della Redazione, che comunque esercita un controllo, ma qualcosa può sfuggire, pertanto, qualora si ravvisassero attribuzioni non corrette di Opere o violazioni del diritto d'autore si invita a contattare direttamente la Redazione a questa e-mail: redazione@larecherche.it, indicando chiaramente la questione e riportando il collegamento a questa medesima pagina. Si ringrazia per la collaborazione.

 

Di seguito trovi le ultime pubblicazioni dell'autore in questa sezione (max 10)
[se vuoi leggere di più vai alla pagina personale dell'autore »]

Giusy Sturiale, nella sezione Pensieri, ha pubblicato anche:

:: Notte (Pubblicato il 09/09/2014 23:52:25 - visite: 564) »